Del resto, ecco cosa hanno fatto nelle elezioni Usa!

Il sistema elettorale corrotto americano svelato nel rapporto segreto della Georgia

13 marzo 2022

In un caso giudiziario cruciale attualmente in corso in Georgia, l’intera facciata corrotta del sistema elettorale americano è stata rivelata e il quadro che dipinge è schiacciante.

Il sistema elettorale corrotto americano svelato nel rapporto segreto della Georgia

I gruppi di integrità elettorale hanno commissionato un rapporto a un professore di informatica presso l’Università del Michigan, J. Alex Halderman, che è un esperto di sicurezza elettorale. Halderman ha prodotto un rapporto di 25.000 parole che è così esplosivo che né il giudice federale responsabile del caso né il governo federale degli Stati Uniti vogliono che venga rilasciato al pubblico.

Halderman afferma che le macchine per il voto elettronico della Georgia “soffrono di vulnerabilità specifiche e altamente sfruttabili che consentono agli aggressori di cambiare i voti nonostante le presunte difese dello stato”. Chi possiede e gestisce quelle macchine per il voto elettronico in Georgia? Sistemi di voto per il dominio.

Halderman ha avuto dodici settimane di accesso a una macchina per il voto Dominion ICX inutilizzata, le stesse macchine utilizzate in Georgia e in altri 16 stati. Le sue conclusioni distruggono completamente la falsa narrativa sul fatto che le elezioni del 2020 siano “le elezioni più sicure della storia”. In effetti, Halderman afferma che “gli elettori della Georgia corrono il rischio estremo che gli attacchi basati su [macchine per il voto elettronico] possano manipolare i loro voti individuali e alterare i risultati elettorali”. Dal momento che Halderman è un noto esperto di sicurezza elettorale che ha testimoniato davanti al Congresso, i soliti tentativi di screditare Halderman come teorico della cospirazione o dilettante non hanno avuto successo.

Nel settembre 2021, Halderman  ha rilasciato una dichiarazione giurata alla corte  in merito alle vulnerabilità della macchina del Dominion che ha ispezionato. Quelle  sette pagine dovrebbero essere lette  attentamente dal pubblico americano.

Nel febbraio del 2022, Halderman ha inviato il suo rapporto completo  solo al CISA e al Dominion Voting Systems . Qual è stata la risposta dell’agenzia federale presumibilmente incaricata di mantenere sicuri i sistemi di voto americani e della società responsabile delle macchine utilizzate in Georgia? CISA e Dominion hanno entrambi presentato mozioni di emergenza  per mantenere il rapporto di Halderman sigillato al pubblico .

Avviso: la CISA ha impiegato  più di cinque mesi  per depositare la propria dichiarazione di interesse nel caso. Secondo la Costituzione, le elezioni sono amministrate dagli stati,  non dal governo federale e dalle sue agenzie . Non è chiaro se la CISA abbia alcuna posizione nel caso. Inoltre, la CISA è intervenuta solo dopo che c’è stata una spinta  a divulgare pubblicamente il rapporto di Halderman  sui media, momento in cui la CISA ha chiesto alla corte di mantenere il rapporto sigillato  anche se le elezioni che utilizzano queste macchine elettorali si stanno svolgendo  proprio ora in America  .

Perché la CISA vuole intervenire? L’agenzia  non è semplicemente una parte disinteressata in questa materia , ovviamente. Poco dopo le elezioni del 2020, il direttore della CISA Chris Krebs ha annunciato pubblicamente che le elezioni sono state “le più sicure” della storia. È andato in ogni telegiornale in America  per ripetere quella dichiarazione  , anche dopo essere stato licenziato dal presidente Trump per aver fatto queste dichiarazioni “altamente imprecise”. Krebs ha messo in gioco l’intera credibilità della CISA (che è un piccolo ufficio del molto più grande Department of Homeland Security).

Krebs non ha mai spiegato il fatto che il conteggio dei voti in più stati oscillanti sia stato interrotto senza una ragione apparente il giorno delle elezioni. Né nessuno ha spiegato perché Trey Trainor, il presidente della Commissione elettorale federale, ha  dichiarato in TV il 6 novembre 2020  che “gli osservatori elettorali non sono stati ammessi nei seggi elettorali in modo significativo” e che “se non lo sono, la legge non viene seguita, rendendo questa elezione illegittima.

Ovviamente, il rapporto di Halderman contraddice le dichiarazioni pubbliche della CISA sull’integrità del voto nelle elezioni del 2020. Contraddice direttamente le affermazioni fattuali di Dominion riguardo alla sicurezza delle sue macchine elettorali. In poche parole: il rapporto di Halderman fa saltare in aria il caso del Dominion, la credibilità della CISA, così come ogni restante fiducia pubblica nel sistema elettorale americano con la sua dipendenza dalle macchine per il voto elettronico.

Ecco perché Dominion Voting Systems non ha alcun interesse che il rapporto Halderman venga reso pubblico. Ecco perché la CISA non ha alcun interesse che il rapporto Halderman venga reso pubblico. E anche il giudice che presiede, il giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti Amy Totenberg, non ha alcun interesse a consentire al pubblico di leggere il rapporto. Ha stabilito che il rapporto dovrebbe essere sigillato come documento riservato.

Il giudice Totenberg non ha permesso ai gruppi per l’integrità elettorale coinvolti nel caso di  chiedere pubblicamente la pubblicazione del rapporto  , il che è un intervento straordinario dei nostri tribunali in termini di segretezza riguardo ai presunti sistemi elettorali pubblici americani. Ha stabilito che tali argomenti devono essere depositati sotto il sigillo del tribunale. In altre parole: anche la richiesta di rendere pubblica la segnalazione  deve essere fatta in segreto .

Il giudice Totenberg sembra essere in collusione con il governo federale degli Stati Uniti per limitare l’accesso a un rapporto di esperti che verifica, al di là di ogni dubbio, che i sistemi di voto americani sono estremamente vulnerabili all’hacking e alle frodi. Ha respinto una richiesta di accesso al rapporto del segretario di stato in Louisiana a gennaio, anche se la Louisiana utilizza le macchine di Dominion per il voto anticipato. Il giudice Totenberg ha anche ritardato la pronuncia su richieste di accesso simili da parte dei media che attualmente stanno affrontando cause per diffamazione presentate da Dominion.

La scorsa settimana, anche gli avvocati di Mike Lindell hanno presentato istanza di accesso al rapporto segreto di Halderman. Succederà davvero? Il giudice Totenberg ha affermato di essere preoccupata che il rapporto sarebbe “soggetto a divulgazione in altri contenziosi”. (Qui c’è  una trascrizione degli avvocati che discutono di questioni rilevanti con il giudice Totenberg .) Francamente non sono affari suoi. Il compito del giudice è difendere lo stato di diritto in una questione di importanza assolutamente cruciale per il futuro della nostra repubblica, e lei non riesce a farlo in modo spettacolare.

Ricordi come ti è stato detto dal tuo insegnante di educazione civica che le nostre elezioni sono condotte dagli stati? Ricordi tutte quelle lezioni sulla Costituzione e sulla legge che spiegavano che le elezioni americane erano decentralizzate? Come loro. erano amministrati da migliaia di sistemi statali e locali? Come si spiega che i gruppi per l’integrità elettorale della Georgia vogliono che il rapporto Halderman sia pubblicato e il Segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger vuole che il rapporto sia pubblicato ma una piccola agenzia all’interno del governo federale non vuole che il rapporto sia pubblicato – e il giudice federale si schiera con il governo federale ?

Il sistema elettorale corrotto americano svelato nel rapporto segreto della Georgia 2
https://greatgameindia.com/joe-biden-dark-money/embed/#?secret=rQWb8di62g#?secret=U90CEFDK80

Tu conosci il motivo. La verità si nasconde in bella vista. Sai che il rapporto segreto di Halderman mostra che le macchine per il voto sono facili da hackerare. Sai che è  la vera ragione per cui il rapporto è tenuto segreto  dal giudice. Lo stesso Halderman ha chiesto che il suo rapporto fosse condiviso con CISA e Dominion per “affrontare le vulnerabilità che descrive prima che gli aggressori le sfruttino”. Quali sono le probabilità che Dominion e CISA affrontino effettivamente qualcuno di questi problemi, quando CISA e Dominion non hanno alcun interesse per il popolo americano che legge il rapporto?

Tu conosci il motivo. Hai visto cosa è successo durante le elezioni del 2020. Il governo federale degli Stati Uniti ha (non così segretamente) il controllo del nostro sistema elettorale presumibilmente gestito dallo stato.

Emerald Robinson è un giornalista indipendente. È stata corrispondente capo della Casa Bianca per Newsmax (2020-2022) e per One America News (2017-2020). Le sue interviste con leader mondiali come il presidente Trump e il senatore Rand Paul sono ben note. Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Substack .

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.