La Corte d’Appello DEL PORTOGALLO

17 NOVEMBRE 2020DA AA

La corte d’appello portoghese ritiene inaffidabili i test PCR e revoca la quarantena

Qui si trova il giudizio. A causa della mancanza di competenze linguistiche si fa qui riferimento alla presentazione e interpretazione del giudizio su tkp.at , dove il tenore viene citato come segue:

” ” Sulla base delle prove scientifiche attualmente disponibili, questo test è [il test RT-PCR] di per sé non è in grado di determinare in modo univoco se la positività corrisponde effettivamente a un’infezione con il virus SARS-CoV-2, per diversi motivi, due dei quali fondamentali: l’affidabilità del test dipende dal numero di cicli utilizzati; l’affidabilità del test dipende dalla carica virale presente.

Con riferimento a Jaafar et al. (2020; https://doi.org/10.1093/cid/ciaa1491) il tribunale conclude che “se una persona risulta positiva alla PCR se viene utilizzata una soglia di 35 cicli o superiore (come descritto in la maggior parte dei laboratori in Europa e negli Stati Uniti), la probabilità che questa persona sia infetta è <3% e la probabilità che il risultato sia un falso positivo è del 97% ”. La corte rileva inoltre che la soglia del ciclo utilizzata per i test PCR attualmente in corso in Portogallo è sconosciuta.

Con riferimento a Surkova et al. (2020; https://www.thelancet.com/journals/lanres/article/PIIS2213-2600(20)30453–7/fulltext ) la corte afferma inoltre che ogni test diagnostico deve essere interpretato nel contesto dell’effettiva probabilità di malattia come valutato prima di eseguire il test stesso ed esprime l’opinione che “Nell’attuale panorama epidemiologico, la probabilità che i test Covid-19 diano risultati falsi positivi è in aumento, con implicazioni significative per gli individui, il sistema sanitario e la società Ha “.

La sintesi del tribunale per la sentenza contro il ricorso dell’Azienda Sanitaria Regionale si legge come segue:

“Visti i dubbi scientifici espressi dagli esperti, cioè coloro che svolgono un ruolo, circa l’affidabilità dei test PCR, la mancanza di informazioni sui parametri analitici dei test e la mancanza di una diagnosi medica sulla presenza di un’infezione o di un’infezione rischio occupato, questo piatto non può mai dire se C fosse effettivamente un portatore del virus SARS-CoV-2 o se a, B e D fossero ad alto rischio ” “.

Aggiornamento : un lettore ha contribuito a questa traduzione , grazie!

Aggiornamento: e qualcuno ha trovato queste fonti:

http://www.dgsi.pt/jtrl.nsf/33182fc732316039802565fa00497eec/79d6ba338dcbe5e28025861f003e7b30?OpenDocument

https://tribunal-relacao.vlex.pt/

https://crlisboa.org/wp/juris/processo-n-o1783-20–7t8pdl-l1‑3/

Cosi sapete che razza di traditori ci siano in Italia!
Ma c’è anche di peggio da noi:
QUESTO GOVERNO PAGA LE TV PER TERRORIZZARE GLI ITALIANI

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *