Momentum!

Nazione

“45.000 morti per vaccini Covid-19 entro 3 giorni”, causa Sparks contro il governo federale

https://halturnerradioshow.com/index.php/en/news-page/news-nation/45-000-dead-from-covid-19-vaccines-within-3-days-sparks-lawsuit-against-federal-government

trad

Secondo un informatore statunitense, 45.000 persone sarebbero morte a causa del vaccino contro il Covid-19 entro tre giorni, cosa che ha scatenato una causa contro il governo federale.

Thomas Renz , un avvocato con sede in Ohio, ha avviato una causa contro il governo federale per aver coperto il vero numero di morti per i vaccini Covid-19.

Secondo Renz, un informatore – indicato come Jane Doe – che è un insider e ha visto informazioni sul Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) presumibilmente gli ha trasmesso i numeri e le informazioni pertinenti.

In un evento ospitato da  Awaken  America, Renz ha dichiarato: “Abbiamo qualcuno che ha giurato, sotto pena di spergiuro, che ci sono stati almeno 45.000 morti”.

Presumibilmente, l’informatore ha dichiarato che ci sono circa 11 sistemi VAERS che segnalano reazioni avverse e decessi negli Stati Uniti, e un solo sistema avrebbe riferito gli scioccanti 45.000 decessi causati dai colpi di Covid.

Tuttavia, Renz ritiene che questo numero sia “immensamente più alto” e chiede indagini immediate sul sistema VAERS.

“Quanti sono davvero morti e perché lo stanno coprendo?”, ha detto Renz alla folla di Awaken America.

Anno Domini

L’avvocato ha affermato che queste informazioni e questa causa non saranno riportate dai media mainstream e saranno probabilmente censurate da grandi società tecnologiche come YouTube, Facebook e Google.

Renz ha affermato che questi grandi giganti della tecnologia sono “complici nel causare la morte” e che non vede l’ora di denunciarli “ancora e ancora”.

Attraverso il suo studio legale con sede in Ohio, Renz Law, Thomas ha fatto causa al Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati  Uniti (DHHS)  per  fermare l’introduzione del vaccino contro il Covid-19 ai bambini di 15 anni e più giovani .

La causa è stata intentata da Renz e dal suo team legale insieme ai medici di prima linea americani contro l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) dei vaccini Covid-19, che affermano di non aver avuto “nessun studio a lungo termine sull’impatto sugli adulti, tanto meno sui bambini. “

Inoltre, la causa contesta la legalità dell’EUA poiché la legge afferma che i bambini devono essere a rischio, cosa che Renz sostiene che “il CDC afferma che i bambini sono statisticamente al tasso di mortalità ZERO per cento da Covid-19”.

Dati recenti da VAERS fino alla settimana del 2 luglio °  hanno mostrato che il 29,5% di tutti ha riferito morti negli Stati Uniti in seguito alla somministrazione del Covid-19 nel corso degli ultimi sei mesi e due settimane si è verificato nell’ultima settimana.

I dati hanno dimostrato che tra il 14 dicembre °,  2020, e il 2 luglio, 2021, per un totale di 438,441 eventi avversi sono stati segnalati al VAERS, tra cui 9.048 morti. Rispetto alla settimana precedente, questo è stato un aumento di 2.063 morti.

Tuttavia, è noto che viene segnalato solo l’1% delle reazioni avverse, poiché un  rapporto commissionato dal Dipartimento della salute degli Stati Uniti  affermava che: “Gli eventi avversi da farmaci e vaccini sono comuni, ma sottostimati.

“Sebbene il 25% dei pazienti ambulatoriali manifesti un evento avverso da farmaco, meno dello 0,3% di tutti gli eventi avversi da farmaco e l’1-13% degli eventi gravi vengono segnalati alla Food and Drug Administration (FDA). Allo stesso modo, viene segnalato meno dell’1% degli eventi avversi del vaccino”.

Pertanto, vale la pena notare che le statistiche sulle reazioni avverse sono già imprecise poiché non tutte le persone che hanno un evento avverso lo segnalano al sistema pertinente. Tuttavia, rimane ancora la domanda sul numero di reazioni e decessi che potrebbero non essere divulgati al pubblico da enti come il VAERS e il sistema di segnalazione del cartellino giallo del Regno Unito.

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *