Neurotrofia!

Nel caso specifico, il simile attrae il simile, già erano messi maluccio, adesso è ufficiale, sono stupidizzati.
Nel vaccino c’è questa cosa:

Dr. Satoshi Akima: “Non ci sono dubbi che SARS-CoV-2 sia neurotrofico. La proteina Spike probabilmente avvelena direttamente le cellule cerebrali portando a morte neuronale.”

https://www.nature.com/articles/s41467-022-29440-z

Trad

Le manifestazioni neurologiche sono una complicazione significativa della malattia da coronavirus (COVID-19), ma i meccanismi sottostanti non sono ben compresi. Lo sviluppo di modelli animali che ricapitolano i risultati neuropatologici del tessuto cerebrale sottoposto ad autopsia da pazienti morti per infezione da coronavirus 2 (SARS-CoV-2) di sindrome respiratorio acuto severo sono fondamentali per chiarire la neuropatogenesi dell’infezione e della malattia. Qui, mostriamo neuroinfiammazione, microemorragie, ipossia cerebrale e neuropatologia che è coerente con la lesione ipossico-ischemica nei primati non umani (NHPs) infetti da SARS-CoV-2, comprese le prove di degenerazione neuronale e apoptosi. È importante sottolineare che questo è visto tra gli animali infetti che non sviluppano gravi malattie respiratorie, che possono fornire informazioni sui sintomi neurologici associati a “covid lungo”. Il virus sparso viene rilevato nelle cellule endoteliali cerebrali ma non si associa alla gravità della lesione del sistema nervoso centrale (SNC). Prevediamo che i nostri risultati faranno avanzare la nostra attuale comprensione della neuropatogenesi dell’infezione da SARS-CoV-2 e dimostreranno che i NHP infetti da SARS-CoV-2 sono un modello animale altamente rilevante per lo studio della neuropatogenesi COVID-19 tra soggetti umani.

introduzione

Rapporti multipli e continui dimostrano che un numero sostanziale di pazienti con malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) sviluppa sintomi neurologici di nuova insorgenza. Diversi case report hanno, infatti, identificato complicazioni neurologiche come la presentazione iniziale dell’infezione da coronavirus 2 (SARS-CoV-2) della sindrome respiratoria acuta grave, in particolare tra coloro che sviluppano ictus 1 , 2 , 3 . Tra le presentazioni neurologiche più urgenti associate a COVID-19, ictus, meningoencefalite ed encefalopatie necrotizzanti emorragiche sono state associate a malattie più gravi 2 , 4 , 5 , 6; tuttavia, anche sintomi neurologici relativamente lievi, come vertigini o cefalea irrisolvibile 4 , 7 , possono essere indicativi di processi neuropatologici nel contesto di infezioni e malattie. In particolare, gli individui nel corso della vita, con e senza comorbilità significative, e con tutte le gravità della malattia, compresi i pazienti asintomatici, hanno sofferto la varietà di manifestazioni neurologiche riportate 8 .

Mentre il danno al sistema nervoso centrale (SNC) dei pazienti con COVID-19 è sempre più evidente, la neuropatogenesi rimane poco chiara. Qui, forniamo una valutazione completa della patologia cerebrale associata all’infezione da SARS-CoV-2 in due modelli di infezione di primati non umani (NHP) con varia gravità della malattia. Questo lavoro rivela neuroinfiammazione, ipossia cerebrale, microemorragie e patologie coerenti con la lesione ipossico-ischemica con rara infezione del sistema vascolare cerebrale nei NHP infetti da SARS-CoV-2 e fornisce informazioni chiave sulla neuropatogenesi associata a SARS-CoV-2. I nostri risultati sono coerenti con quelli riportati sul cervello sottoposto ad autopsia di soggetti umani deceduti con l’infezione da SARS-CoV-2. Ulteriori analisi molecolari sul cervello dai nostri modelli animali suggeriscono che la riduzione dell’ossigeno al SNC può contribuire in modo significativo al danno nel contesto dell’infezione. È importante sottolineare che gli animali che non hanno sviluppato la sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) hanno dimostrato una neuropatologia che può portare a sintomi neurologici a lungo termine di sequele post-acute di COVID-19 (PASC) o “covid lungo”.

Risultati

Infiammazione significativa nel cervello

Otto NHP adulti, inclusi quattro macachi Rhesus (RM), di età compresa tra 13 e 15 anni, e quattro scimmie verdi africane catturate in natura (AGM), di circa 16 anni di età, sono stati inoculati con il 2019-nCoV/USA-WA1/2020 ceppo di SARS-CoV-2 9 tramite una sfida mucosale o aerosol a più vie (Tabella  1 ). Due animali di ciascuna specie sono stati inoculati tramite aerosol e due mediante esposizione a più vie. L’esposizione della mucosa a più vie includeva le vie congiuntivale, nasale, faringea e intratracheale. Gli animali di controllo includevano due RM, di circa 18-22 anni, e due AGM, di circa 17 anni. Gli animali di controllo sono stati infettati in modo simulato attraverso l’esposizione della mucosa a più vie dello stesso mezzo di crescita utilizzato per la propagazione del virus. Tutti gli animali dello studio sono stati sottoposti agli stessi test clinici e procedure.

…. prosegue

Inoltre c’è questo:

https://www.researchsquare.com/article/rs-1139035/v1

Infezione da SARS-CoV-2 e persistenza in tutto il corpo umano e nel cervello

dalla prefazione: Tuttavia, il carico di infezione al di fuori delle vie respiratorie e il tempo per la clearance virale non è ben caratterizzato, in particolare nel cervello 3,6-14. Abbiamo eseguito autopsie complete su 44 pazienti con COVID-19 per mappare e quantificare la distribuzione, la replicazione e la specificità del tipo cellulare di SARS-CoV-2 in tutto il corpo umano, compreso il cervello, dall’infezione acuta fino a oltre sette mesi dopo l’insorgenza dei sintomi.

Insomma, diventano neurotrofici, il che spiega che se prima erano già poco “pronti” intellettivamente, adesso, sono diventati insufficientemente pronti.
Aree del cervello non rispondono, anzi muoiono.
E’ la conseguenza più che evidente, del vaccino.
La fissità dello sguardo dice che il mouse oculare è inceppato!
che dire?
Nulla, che vuoi dire di più!

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.