Pensa… eri tu che non ti sei vaccinato l’ignorante!

traduzione della pag 23

La sieropositività di Roche S nei donatori di sangue si è stabilizzata ed è ora superiore al 96% in tutti i gruppi di età
gruppi di età.
Le stime di sieropositività per l’anticorpo S nei donatori di sangue sono probabilmente più alte di quanto ci si
attendeva nella popolazione generale e questo probabilmente riflette il fatto che i donatori hanno maggiori probabilità
essere vaccinati. Le stime di sieropositività per gli anticorpi N sottostimano la proporzione della
popolazione precedentemente infetta a causa di (i) i donatori di sangue hanno potenzialmente meno probabilità di essere esposti a
infezione naturale rispetto agli individui di pari età nella popolazione generale (ii) il declino della risposta anticorpale N
nel tempo e (iii) le recenti osservazioni dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito
(UKHSA) dati di sorveglianza che i livelli di anticorpi N sembrano essere più bassi negli individui che acquisiscono
l’infezione dopo 2 dosi di vaccinazione.
La vaccinazione ha dato un contributo importante agli aumenti complessivi di Roche S osservati
dall’avvio del programma di vaccinazione, inizialmente tra gli individui di età pari o superiore ai 50 anni
superiore a 50 anni che sono stati resi prioritari per la vaccinazione come parte del programma di fase 1 e più recentemente
negli adulti più giovani come parte della fase 2 del programma di vaccinazione.
Livelli di Roche S per gruppo di età e mese
Il test Roche S che la UK Health Security Agency (UKHSA) utilizza per la sorveglianza
sorveglianza sierologica è completamente quantitativo, il che significa che misura il livello di anticorpi in un campione di sangue
campione di sangue; un livello di anticorpi superiore a 0,8 AU/ml (circa una IU/ml secondo lo standard OMS)
è considerato positivo. La sorveglianza PHE e UKHSA negli ultimi mesi ha rilevato che
oltre il 97% della popolazione di donatori di sangue risulta positivo agli anticorpi S, che possono derivare dall’infezione da COVID-19 o dalla vaccinazione. Con una sieropositività così alta, è importante osservare i livelli di anticorpi della popolazione per valutare l’impatto del programma di richiamo vaccinale

In pratica: le persone vaccinate avranno PERMANENTEMENTE meno anticorpi
In pratica: sistema immunitario a pezzi.

Di Franco Remondina

Una risposta a “Pensa… eri tu che non ti sei vaccinato l’ignorante!”

  1. Meno anticorpi…immagino che avrà come conseguenza, una maggiore dipendenza dalla medicina o addirittura riduzione in schiavitù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.