BOERI CON MAGLIETTA ROSSA! DIMETTITI.

“Sull’imbarcazione della Gdf ci sono 266 migranti di nazionalità eritrea (180), 44 dalla Somalia, 5 dalle Isole Comore, 2 dall’Etiopia, 13 dalla Nigeria, 11 dal Madagascar, 4 dalla Palestina, 3 dalla Siria, 3 dalla Costa d’Avorio ed uno dal Sudan. Sulla nave di Frontex ci sono 185 migranti: 107 di nazionalità eritrea, 50 somali, 10 dal Camerun, 6 dalla Libia, 4 dal Bangladesh, 4 dalla Nigeria, 2 dall’Algeria, 1 dall’Egitto, 1 dalla Tunisia”.

https://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/pozzallo_navi_frontex_finanza-3857381.html

Totale su 451 migranti  6 dalla Libia e 3 dalla Siria!

Il resto non sta scappando da nessuna guerra!

INOLTRE, ECCO UNA NOTIZIA “NON NOTIZIA”:

“Prego sbarchi dalla Libia non finiscano”: intercettazione choc del boss della Mafia Nigeriana

Vengono, anzi accorrono in Italia, per generosità verso gli italiani, VENGONO A PAGARCI LE PENSIONI.

Boeri, DIMETTITI!

http://www.ilsussidiario.net/News/Politica/2017/8/4/DIETRO-LE-QUINTE-Le-manovre-e-le-balle-di-Boeri-per-fare-il-nuovo-Renzi/776831/

Voleva mettersi in politica? Fondi un suo partito!

In tre anni, Boeri ha devastato l’INPS!

Fu nominato da Renzi, già questo dice tutto, e invece di occuparsi dell’Inps, risanarne i conti, l’ha devastato. Lui come Cottarelli, quello che raccontava di una crescita del 600% del prezzo del barile di petrolio in  6 mesi nel 1998, anzi,nel 1999, anzi nel 2001 , anzi era forse il 2002 ma, però, non l’ho mai detto… Boeri spara dati  alla cazzo, fa politica invece di fare il proprio dovere, quello per cui viene remunerato lautamente.

Dimettiti e non rompere i coglioni!

Uno schifoso mondialista antiitaliani, manipolatore di dati, cialtrone fino alla nausea.

“Boeri: gli immigrati versano contributi per 8 miliardi di euro, ne ricevono indietro 3 in prestazioni sociali e pensioni, quindi l’avanzo di 5 miliardi è destinato a pagare le pensioni degli italiani. Non fa una grinza. Visto che ci siamo, proseguendo nella logica di Boeri, perché non aumentare la presenza di migranti? Secondo le stime, entro il 2040, il fabbisogno della previdenza non potrà fare a meno dei 38 miliardi previsti come avanzo netto nel saldo tra versamenti e prestazioni erogate ai lavoratori immigrati. Ma perché per l’Inps gli stranieri sarebbero così preziosi da non poterne fare a meno? Essi hanno un raro in pregio: da vecchi se ne tornano a casa loro senza poter riscattare le somme versate all’Inps.

Ecco come si generano le sopravvenienze nel bilancio dell’Istituto di previdenza: incamerando i soldi di quelli che rinunciano a chiederli. Ecco perché i lavoratori italiani vanno scartati. Costano di più e hanno un vizio incorreggibile: dopo che per quarant’anni e passa smettono di farsi un mazzo a lavorare, cosa fanno? Osano chiedere allo Stato che gli venga erogata la pensione per tirare a campare. Che assurda pretesa! Cento volte meglio, allora, importare manodopera da fuori che paga quei contributi previdenziali che lo Stato non gli restituirà mai. Una macchina pubblica del genere somiglia più a una bisca che ad uno strumento della democrazia compiuta. Boeri teorizza il gioco delle tre carte. Tuttavia, la verità è all’opposto. Esiste una concreta possibilità che quegli immigrati regolari mettano radici in Italia. E decidano un giorno di non tornare ai loro Paesi d’origine ma di starsene qui a godere i frutti dei propri sacrifici. Allora addio a quel bell’avanzo di in cassa che Boeri dà per scontato. Non c’è bisogno di essere dei top manager per comprenderlo” (tratto da Infosannio.it)

Solo per una roba del genere, andrebbe messo in galera!

Per due reati: odio razziale, e circonvenzione di incapace.

Lui si che è RAZZISTA!

Considera i negri “inferiori”, con un presupposto, quello di ottenere indebitamente fra venti anni dei “vantaggi”.

Che ne sa di come sarà il mondo fra 20 anni? Boeri non sa che giorno sarà domani e fa previsioni a 20 anni.

Dimettiti mezzasega!

Fonda il tuo partito e vediamo quanti voti prendi.

Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *