Cogito politica rectitudo ergo sunt inprobus

Una sola cosa pare sconvolgere il deep state americano, la democrazia popolare e il voto che essa esprime.

Anzi ogni deep state di ogni nazione occidentale.

Dopo il Russiagate, dopo l’attacco dei giudici, dopo i ricatti pornografici, dopo le accuse di fascista rivolte dai democratici, rimaneva una sola opzione per scavallare Trump da Presidente degli Usa, quella di mettere ko la borsa entro il prossimo novembre…

La Fed come arma politica per impedire la rielezione dell’incubo dei democratici, quel Trump che è politicamente scorretto al punto di dare del coglione al sindaco di Londra.

I coglioni erano i londinesi che lo hanno votato.

Cosi come erano coglioni i votanti di Renzi e Obama…

Pensando politicamente corretto oggi si è coglioni, e pensando da coglioni lo si diventa!

Non si comprende cosa davvero stia accadendo, cosi lo vedete nel voto PD sui minibot, lo vedete nel Si/NO/Forse del M5S, nei guai di Macron, nelle giravolte della Germania…

Il sospetto è che Trump sia un genio in mezzo a tanti celebrati GEGNI!

Con la GN, perchè sia chiaro…

Mettiamola in questo modo: ha cominciato una guerra dei dazi che ha ,esso alle corde la Cina, ha rafforzato il dollaro, se “obbliga la Fed” a tagliare i tassi sui buoni del tesoro americano, ottiene una vittoria.

Può allora togliere i dazi, le tariffe vanno a zero e i mercati salgono di nuovo.

Elezione sicura!

Altro che pirla, i pirla sono quelli che pensano di essere gegni.

Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *