Fonti?

E’ una moda, qualunque affermazione tu faccia riguardo al problema della sostenibilità del debito pubblico. arriva qualcuno che ti chiede: Fonti?

Che razza di domanda è “fonti?”

Il problema non sono le fonti che uno può citare, il problema è che se chiedi le “fonti” sei un cretino!

Ecco, ci sono un sacco di cretini sui social, che non vedono l’ora di dirti “fonti?” ma che non ci arrivano, non tengono conto dei fatti, a loro i fatti non importano a loro importano le fonti!

Mettiamo quindi a fuoco la questione: il debito pubblico è un qualcosa di positivo o di negativo?

Il debito pubblico è SEMPRE positivo!

Fonti?

I dati, testa di cazzo, i dati…

  • Giappone: 90.000 dollari
  • Stati Uniti: 65.000 dollari
  • Italia: 62.667 dollari
  • Media OCSE: 53.600 dollari

In un mondo dove i titoli di stato sono “MONETA”, come puoi chiamare debito la moneta?

Fonti?

L’intelligenza! Ecco la fonte principale, se non ci arrivi è dubbio che tu possa leggere persino le “fonti” e capire!

Per capire che il debito pubblico è solo una questione contabile basta vedere il bilancio di una Banca Centrale. Ci sono solo tre cose che sono RISERVA DI VALORE per una Banca Centrale:

TITOLI DI STATO

BANCONOTE

ORO

In effetti negli ultimi anni le cose sono andate cosi:

https://it.businessinsider.com/le-banche-centrali-riportano-a-casa-loro-nazionale-e-lo-mettono-al-sicuro-di-che-cosa-hanno-paura/

Se il debito pubblico fosse un debito perchè le BC lo comprano?

La cosa spiacevole è che TUTTI I PROFESSORI DI ECONOMIA SONO PAGATI PER DIRTI BALLE.

Per capire che ESSENDO MONETA, non sono un peso che grava su nessuno, bisogna tornare alla CONTABILITA’ DEGLI INIZI.

Supponiamo che una comunità scopra un posto non segnato sulle mappe…

Facendo varie perlustrazioni trovano il posto confortevole e decide di stabilirsi in quel territorio. Si convoca una assemblea della comunità e si decide il da farsi. Bisogna costruire strade, ponti, ferrovie, porti, ospedali, fabbriche, insomma, quel che serve per aumentare i confort e i servizi in quel territorio. Una volta delegato il compito a chi farà le strade, a chi farà le ferrovie a chi procurerà i materiali per costruirle e a chi li lavorerà, viene fissata anche la moneta con cui si effettueranno le transazioni all’interno del territorio.

Ecco il momento iniziale, la CONTABILITA’ DEGLI INIZI.

Il Capo della Comunità fa stampare ad esempio 100 000 banconote che serviranno per pagare chi fa le strade, chi fa le ferrovie o i porti, o gli ospedali o le scuole…

Ecco il bilancio iniziale!

Se la comunità distribuisce 100 000 banconote ripartite in modo adeguato ai compiti, avrai di botto un bilancio della Comunità negativo. PRIMA avevi + 100 000 banconote, adesso hai Meno – 100 000 banconote.

Dove sono finite?

Nei conti degli abitanti della Comunità.

Fonti?

Vaffanculo tu e tutte le fonti !

Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Una risposta a “Fonti?”

  1. Spiegazione, di un tema fondamentale, fatta con grandissima semplicità.

    Note:
    – Spiegazione, da spiegare, dal lat. EXPLICARE, composto di EX, fuori di, indicante senso contrario, e di PLICARE, piegare. Allargare le cose ripiegate o ristrette in pieghe (e quindi oscurate), distendere.
    – Fondamentale, da fondare, scavare fino al sodo, per riempire la fossa di muratura; e quindi porre i fondamenti, gettare le basi.
    – Semplicità, dal latino sine plica = senza piega/pieghe, senza mistione, vero, sincero.

    Cosa?… Fonti? Fonti?? FONTI???
    …. ….. ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *