LEGGE SULLA SOCIALIZZAZIONE

E’ stato emanato il decreto” DIGNITA'”…

E’ qualcosa di già visto nella storia, negli anni immediatamente seguenti la Prima Guerra Mondiale. La situazione sociale era paragonabile a quella attuale, dico paragonabile perchè mancava veramente poco a essere un situazione fotocopia di quei tempi, bastava ancora una legislatura a guida PD-Forza Italia-Sinistra, e questo terzetto ci avrebbe restituito le condizioni sociali degli anni 20 del secolo scorso.

Oggi, come allora, la Sinistra è schierata “contro” il lavoratore. Il precedente in questione lo potreste leggere se ne aveste la conoscenza, il fatto è che non vi è permesso di averla. La cortina fumogena sparsa a piene mani dalla sinistra ha oscurato la verità storica, ma esso ha un nome:

Legge sulla Socializzazione

https://cronologia.leonardo.it/storia/a1944f.htm

Incredibilmente, questa Legge, emanata nel 1944 da Mussolini con pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, quindi Legge a tutti gli effetti, fu la prima ad essere abrogata! I comunisti che controllavano il CLNAI, come primo atto ufficiale, addirittura il 26 aprile, proprio mentre si continuava a sparare e mentre era iniziato “l’olocausto nero”, abolirono la “Legge sulla Socializzazione”. E questo per ripagare i grandi industriali che avevano finanziato la Resistenza. Fu il “capolavoro” di Mario Berlinguer, il padre di Enrico, il grande capitalista, super proprietario terriero.

Era quanto di più a sinistra, la stessa sinistra abbia mai proposto in seguito, e da allora si è assistito a una erosione costante dei diritti sia della persona che della “persona-lavoratore”.

E una sorta di mutazione genetica sociale, quella che è avvenuta negli ultimi quarantanni, siamo passati da persone a “capitale umano”.

La stessa cosa, lo stesso effetto mutante è successa a chi costituiva impresa. Da “imprenditore” è diventato “prenditore”.

La persona? E’ scomparsa.

L’attività è diventata la persona, non “sei più”, ma è quel che fai a determinare chi sei.

Una rivoluzione indegna, un sovvertimento dello scopo personale, intimo, intellettivo, emotivo dell’essere.

Ora, come allora, la sinistra “PROTESTA CONTRO LA DIGNITA'”!

Della persona, prima che del lavoratore.

Che mi frega se gli industriali non assumeranno? Assumere schiavi non è parte del mio mondo!

Se non assumono, uno stato composto da persone degne, estromette dalla società questa gentaglia. Vi sembra possibile che una società come Amazon abbia una capitalizzazione paragonabile a quella di uno stato?

Jeff Bezos, proprietario di Amazon e del Washington Post

Il patrimonio di Jeff Bezos, fondatore di Amazon e uomo più ricco del mondo secondo Forbes, è aumentato di 9 miliardi di dollari dopo la pubblicazione venerdì della relazione trimestrale della società.

Una società di persone degne, chiederebbe i danni a Bezos, i danni per aver schiavizzato persone.

Quando sento la sinistra elogiare questo modello sociale, questa globalizzazione mi chiedo:  Vanno indagati e processati per apologia della schiavitù?

Quando sento il presidente della repubblica parlare di mercati e di risparmi degli italiani mi chiedo: Va condannato alla fucilazione per tradimento della Costituzione?

Hanno varato questo Decreto Dignità, era e rimane un piccolissimo passo nella giusta direzione, il prossimo è quello di eliminare il “pareggio di bilancio in Costituzione”.

Poi… magari  un ritorno alle urne. Perchè?

Va messa in Costituzione una norma semplice: chi ha votato per quella Legge, va incarcerato per attentato alla Repubblica, ma sopratutto per aver compiuto una iterazione di reato, quello di aver trattato come schiavi il popolo degli italiani.

 

 

 

Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *