Lo splendido “nobel” per abbronzatura!

E’ una dimostrazione plastica visibile in ogni campo, la sostituzione del bianco. Lo si vede nelle serie tv americane… Inventori neri, ingenieri neri, scienziati neri, in ogni film il “capo” è nero e il bianco è subalterno…

Anche nelle elezioni americane questo frame è stato provato e HA FUNZIONATO. E’ stato eletto con un battage propagandistico peculiare, quel “YES WE CAN” che in veneto ricorda il cane e in effetti è stata una presidenza da cani per il mondo e per gli americani… anche loro “cani” di Pavlov, con il cervello assiderato dallo sloganismo vuoto.

Cosa faceva quel nero presidente per gli ameri-cani?

Faceva cazzate!

Cazzate vergognose, li rendeva ogni giorno più poveri e loro non capivano, come da noi del resto…

Ecco cosa faceva il negro che “POTEVA”

Eccolo il giochino:

Obama ha dato a Pearson Publishing un contratto governativo del valore di $ 350 milioni per il loro lavoro di creazione del testo Common Core per la sua iniziativa educativa sulle amministrazioni.

Una consociata dello stesso editore ha dato a Obama circa 65 milioni di dollari per il suo contratto dopo aver lasciato l'incarico.

Capito il negro? Quello evoluto? Quello che era avanti, che vedeva il futuro?

Uno da patibolo!

E per altro implicato nella cospirazione contro POTUS Trump…

Poi c’è il suo alter ego italiano, Renzi, che forte della corruzione nelle istituzioni italiane e nella magistratura, lo copiava, anche lui “POTEVA”…

Diciamo che era un po’ più casereccio, ma il principio è simile…

Due cose:

il negro o abbronzato che dir si voglia, spero lo impicchino

il tronfio fiorentino spero invece marcisca in galera, presto.

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *