Malattie vere, frutto dell’immigrazione. Ma non si DEVE dire!

Avete presente l’epidemia di morbillo a Londra? Quella epidemia inventata dall’allora ministro della Salute economica della Glaxo, Lorenzin, portò al decreto delle vaccinazioni coatte, votato dal PD e Verdini…

Come sempre, peggio di sempre, il PD dimostra la sua sensibilità nei fatti, la sua credibilità nei fatti… Farabutti dogmatici?

https://www.laverita.info/in-emilia-romagna-si-e-taciuto-sulle-morti-causate-da-west-nile-2604334994.html

Manager di area PD che incassano premi da decine di migliaia di euro come “premi di produzione” (de che?) hanno taciuto per oltre un mese, su due morti in Emilia-Romagna per Febbre del Nilo.

La ragione è stata “per non diffondere il panico”.

Questa è quella ufficiale, gravissima in sè, viso che esiste un ministero della Salute, ma ancor più grave è la vera ragione: la parola Nilo, rende geograficamente l’idea che sia per colpa degli immigrati.

Tradotto nel linguaggio adeguato: gli italiani possono crepare in pace, l’importante sono i negri importati.

Questa faccenda è finita in parlamento.

L’articolo de La Verità mostra lo schifo del PD con gente che pensa solo ai soldi dei premi. Nel 2016 la regione spese 2,2 milioni di euro (degli italiani anche quelli, ma non si dice) per 14 direttori generali dalla sanità regionale…

Spannometricamente  pagati oltre 150 000 euro l’uno!

Questi qua li paghiamo come un parlamentare e decidono loro cosa comunicare? Sono loro a stabilire cosa sia pericoloso e cosa non lo sia?

Sono bravi a dirti che il morbillo è mortale ( ho fatto il morbillo, cosi come mia sorella e mio fratello e tutta la mia classe delle elementari e quella di mia sorella e di mio fratello…. Morti? Zero), ma la Febbre del NIlo, loro, ZITTI. Ne andava del premio di produzione?

Certo, ne sono sicuro.

Abbiamo troppi bastardi di area politica nei posti pubblici?

Anche in questo caso la risposta è si!

 

Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *