PRIMA GLI UNGHERESI

Dopo la vittoria di Orban, la Ue che cosa ha da dire? Nulla! Oh si fa finta, ma sono chiacchiere http://www.ilgiornale.it/news/politica/trionfo-orban-e-ultradestra-lue-prepara-primo-siluro-1513919.html
Non solo non ha nulla da dire, ma non può fare nulla.
https://www.zerohedge.com/news/2018-04-08/latest-humiliation-brussles-viktor-orban-wins-hungary-elections-landslide-victory
Se l’Ungheria se ne va dalla Ue, hai un secondo caso di uscita dopo l’Inghilterra e questo straspaventa la commissione. Metti caso che anche in Italia ci fosse un tipo cosi, sapete cosa farebbe la Ue? Nulla, anzi Dombrovskis
Orban ha già dichiarato il suo modo di vedere le cose: prima gli ungheresi.
E’ una cosa ovvia, a casa tua, prima vengono i tuoi figli, poi se ne avanza si pensa a quelli del vicino. Il problema è che per i media, le tv, i sociologhi, i politici venduti, per la sinistra venduta alla finanza, questo è sbagliato-
Prendiamo la centrale del think-tank, cioè quel gruppo di specialisti in ipnosi di massa, di controllo di massa, inglese, questi fanno scrivere robe come queste:     
http://thecorner.eu/news-europe/eurozone-the-shocks-from-the-eternal-return-to-the-proposal-of-euro-exit/72207/ Gli inglesi sionisti, quelli che appartengono alla fazione perdente, collegati con la massoneria della P2 etc etc sono preoccupati, del fatto che la gente protesti contro questo sistema.
Sono sconvolti che i popoli rifiutino i successi dell’euro e se ne vogliano uscire.
Gli ungheresi hanno votato per Orban, nonostante la propaganda gestita da Soros.
Nonostante il tentativo della sinistra di affibbiargli la patente di fascista. Prima gli ungheresi è più forte dell’appellativo di “fascista”.
Il termine fascista è stato usato impropriamente, da noi funziona ancora, ma molto meno che in passato.
Gli inglesi, sponsorizzano quelle parole come “fascista”, “nazista”, “omofobo”, per generare senso di colpa, di rifiuto verso quel comportamento.
Il punto è che gli inglesi, producono nulla!
Se putacaso nessuno gli vendesse merci e dovessero badare loro al fabbisogno della popolazione stessa, non avrebbero di che andare avanti una settimana. Producono zero merci!
In rapporto al fabbisogno, si intende. Quanto vivrebbe l’Inghilterra se nessuno gli fornisse le merci in cambio di foglietti di carta? Nemmeno una settimana!
Per cui additano a fascisti, populisti, xenofobi, tutti coloro che si permettono di dubitare della bontà dell’offerta che la finanza concede, soldi di carta o elettronici, senza altro controvalore che la fiducia.
Ragionando come vuole la finanza, tu devi accettare il loro mondo come “unico possibile”, ma è falso.
Un altro mondo esiste, un’altra moneta esiste!
Sono loro, che non hanno qualità per esistere all’infuori del mondo della finanza. Per questo fanno una guerra spietata a chi usa la verifica reale invece che quella della narrazione mediatica e istituzionale.
Prima gli italiani, cosi come “prima gli ungheresi”, viene tacciato di primitivismo, di antiprogressismo, di “passato”.
Non viene accusato di essere illogico, controesperienziale, infatti se guardi alla società di oggi in rapporto a quella di trent’anni fa, tutto è peggiorato, i tenori di vita, le emozioni, le apettative.
Tutto sta perdendo “magia”, le storie d’amore, l’infanzia, le fantasie, le prospettive…
Ognuno che incontri vive, come dice l’ISTAT, con un “rancore di fondo”, questo è il successo ottenuto dalla continua negazione dell’esperienza per credere alla narrazione inglese.
La parola d’ordine prima gli italiani, l’ho sentita e la condivido.
Non piace agl inglesi? Chissenefrega.   
Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Una risposta a “PRIMA GLI UNGHERESI”

  1.  bell”articolo, ma una precisazione “ha recentemente concesso la cittadinanza ungherese ai magiari ha poco senso. Magiaro (magyar) è il termine ungherese per dire “ungherese. È analogo ad aver scritto “ha dato la cittadinanza del regno unito ai britannici. Più correttamente, Fidesz ha concesso la cittadinanza alle persone “etnicamente ungheresi, rivolgendosi in particolare a persone di lingua ungherese che vivono nelle zone della vecchia “grande ungheria (transilvania, slovacchia, serbia etc). La citta È un po” più restrittivo del voto estero agli italiani, e simile alla cosa che vorrebbe fare l”Austria col Sud-Tirolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *