Satanismo francese?

L’incendio di Notre Dame a Parigi?

Sicuramente doloso!

Come fai a dirlo? Semplice: un tetto cosi, non crolla per un incendio di tre ore.

Ma ancora di più, non può prendere fuoco in quella maniera li. E’ una questione di ossidazione, il legno sottoposto a un ambiente affollato, come lo era Notre Dame, dove c’erano sempre turisti, che per effetto della propria temperatura corporea sudavano, respiravano, emettendo CO2, che saliva verso il tetto per effetto dei moti browniani di calore, nei secoli ha otturato con una pellicola ossidante il legno del tetto.

Basterebbe chiedere a un vigile del fuoco e quello risponderebbe di botto che “non esiste”.

Cosi, adesso, anche la Francia ha il suo 11 settembre…

L’assalto alle chiese di Francia ha dei precedenti recenti, St Sulpice è stata devastata da un rogo doloso pochi mesi fa, ma anche molte altre chiese in Francia.

Macron? La loggia dei Rothscild francese?

I servizi segreti?

Di certo un incendio di questo genere, nella sua dinamica appare impossibile.

E c’è un’altra questione: perchè, con la Senna a una distanza di zero metri, nessuno ha pensato e usato gli elicotteri…

Persino Trump si chiede perchè!

Donald J. Trump‏Account verificato @realDonaldTrumpSeguiSegui @realDonaldTrumpAltro

So horrible to watch the massive fire at Notre Dame Cathedral in Paris. Perhaps flying water tankers could be used to put it out. Must act quickly!10:39 – 15 apr 2019

Ma non è solo quello, c’è altro, per esempio il mito dell’integrazione, quello che è cosi caro alle elites…

Una puttanata epocale, come dimostrano i fatti…

Cosi, riassumiamo: facendo leva sul fatto che l’integrazione è IMPOSSIBILE, le elites hanno il capro epiatorio pronto per usare i servizi segreti per compiere ogni nefandezza. Ricordate il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa? Cambiare tutto per non cambiare nulla?

Ma credo che siamo troppo vecchi per queste stronzate.

I francesi sanno come si fa:

Risultati immagini per ghigliottina
Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *