BASTA CANONE!

 

 

Di Franco Remondina

L’attuale classe politica, dirigenziale, giornalistica, è l’emblema della crisi sociale della nazione.

Gente che ha stabilito il proprio prezzo, venduti al miglior offerente.

Me ne sono accorto ieri pomeriggio seguendo sui due canali di informazione televisiva il pomeriggio del “Renzi a casa” della manifestazione tenutasi a Roma.

Ho sempre pagato, seppur con disgusto, il canone Rai, ma ormai il vaso è pieno e temo che ieri sia tracimato. L’informazione è schiava del “sinistrismo”. Giornalisti di sinistra che in maniera irrispettosa riportano le notizie alla loro maniera.

Il canone viene pagato perchè questa Rai sia pluralista, nel senso che se è vero che non tutti la pensano come me, è vero anche che non tutti la pensano come la sinistra, anzi la sinistra è solo  1 su cinque elettori.

Sono 1 su cinque, 2 su dieci, 20 su cento e cosi via. Hanno diritto a censurare gli altri? No, non ce l’hanno!

Dove è la vigilanza Rai?

Ieri, è stata una apoteosi del giornalismo di sinistra. Fanno la “diretta” della manifestazione e appena Salvini comincia ad attaccare con i dati e le cifre la politica del Pd e di Renzi, la conduttrice interviene da studio dicendo: “abbiamo sentito Salvini, ora mandiamo un servizio sulla mostra del pittore…”

Hanno mandato il servizio sulla mostra!!! Basta!!! Il canone, lo giuro, non lo pagherò mai più!

Loro possono avere la loro opinione, ma il restante 80% può pensarla in maniera diversa. Siccome non è la sinistra a mantenere la Rai, ma è il contrario visto la % di sinistri che ci lavorano, tutti i Berlinguer fino al decimo grado di parentela, ad esempio, l’80% che non la pensa come loro pretende rispetto.

Ieri per converso, ci sono state una dozzina di interviste all’altra manifestazione, quella degli antagonisti. Gente che difende l’immigrazione selvaggia, che difende le occupazioni abusive, che difende la mondializzazione, le banche, la tassazione. 

Questi “antagonisti” sono antagonisti degli italiani. Non ho mai sentito di disordini ad una riunione di confindustria, o alla sede di qualche agenzia delle entrate, o a Montecitorio, quando la Fornero creava gli esodati.

A loro, di contestare Monti, la Fornero, Renzi, il mondialismo, non gli frega un cazzo, il pericolo sono gli italiani.

Ieri uno sproloquio di cazzate. Non sanno quello che dicono… Le solite cose che hanno stancato. Quanti sono gli antagonisti in Italia? Lo 0, 2? Cioè il 99, 8% non la pensa come loro, non riescono a convincere gli italiani e allora li “odiano”.

Ma hanno tanta visibilità mediatica. Giornalisti Rai che li vanno a plaudire e che solidarizzano.

Non lo pago più il canone! Neppure se viene giù il Signore…

Ieri si è visto nulla perchè questi nascondono la verità agli italiani… Le pulizie di Montecitorio, togliere la polvere dagli scranni e dai banchi parlamentari, ci costa 7 milioni di euro all’anno. Per togliere la polvere!!!”

Non ci sono i soldi per la Polizia, ma per la polvere ci sono. Non si possono abolire i vitalizi perchè sono “diritti acquisiti” ma ai 350 000 esodati, i diritti acquisiti li hanno tolti. Sono italiani! Non mondialisti, italiani.

Non si possono tagliare le tasse, chi le paga sono gli italiani, l’80% di loro  detesta le tasse, ma nella Rai ci sono quelli che ti dicono che pagarle è bello. Fanno gli spot in cui ti dicono che se le pagassero tutti ci sarebbero meno tasse, salvo poi dirti che la polvere a Montecitorio quest’anno è raddoppiata e i costi sono raddoppiati, invece di 7 milioni ce ne vogliono 14. Sentiamo in proposito cosa dicono gli antagonisti… Già…!

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *