Come detto da aprile, UN PARASSITA!

Il covid? E’ curabile con un ANTIPARASSITARIO!
Un farmaco verterinario…
Ecco perchè ci sta quella veterinaria in tv, che ci fracassa i coglioni col vaccino, prima, dopo e durante i pasti.
E’ un parassita!

Traduzzzzione?

Esistono due cure efficaci, sicure ed economiche per Covid

Ho pubblicato precedenti lettere del virologo Marc Wathelet alle autorità sanitarie belghe su Covid.   In questo egli sottolinea che sono disponibili minacce e prevenzione efficaci, che l’attesa di un vaccino si traduce semplicemente in più morti e che il vaccino stesso è problematico .

Sono disponibili un trattamento e una prevenzione efficaci per COVID-19.

Caro Ministro della Salute,

In questi tempi difficili, vorrei attirare la vostra attenzione su un trattamento che potrebbe fare un’enorme differenza per la salute delle persone che si trovano infette dal nuovo coronavirus in Belgio.

Si tratta di ivermectina , un farmaco noto e ben compreso scoperto nel 1975 che si trova nell’elenco dei farmaci essenziali dell’OMS. È usato nell’uomo per trattare le infezioni da molti tipi di parassiti e ha anche attività antivirale. Questo è uno dei farmaci che ha garantito la sperimentazione clinica per testarne l’efficacia contro COVID-19, come ho suggerito lo scorso aprile https://tinyurl.com/yyzyoe7n , ma non abbiamo fatto nulla.

Uno studio non pubblicato (preprint) dall’Egitto confronta gli effetti dell’ivermectina con quelli dell’idrossiclorochina. I risultati sono spettacolari!   https://www.trialsitenews.com/benha-university-breakthrough-randomized-controlled-trial-shows-ivermectin-effective-for-treating-covid-19-as-prophylaxis/ 

Il trattamento standard per COVID in diversi paesi africani, compreso l’Egitto, è la combinazione di idrossiclorochina, azitromicina e zinco. Questo studio confronta questo trattamento con la combinazione di ivermectina, azitromicina e zinco. Ha quattro bracci di 100 individui ciascuno, dove le forme moderate e gravi della malattia vengono trattate con una di queste due combinazioni di farmaci.

Misurano il miglioramento percentuale dei sintomi e la diminuzione della carica virale e il numero di morti (che si riduce a una percentuale poiché ci sono 100 pazienti per braccio).

Ecco il riepilogo dei risultati ottenuti:

Idrossiclorochina, forme moderate: miglioramento del 74%, 4 decessi

Ivermectina, forme moderate: miglioramento del 99%, 0 decessi

Idrossiclorochina, forme gravi: miglioramento del 50%, 20 decessi

Ivermectina, forme gravi: miglioramento del 94%, 2 decessi

Con risultati così chiari, ora è il momento di mostrare la visione!

Si prega di consultare anche questo articolo che esamina gli studi clinici con questa molecola in tutto il mondo https://tinyurl.com/yyqbq8gw .

Conto sugli esperti che vi consigliano di confermare che il rapporto rischio / beneficio di questo approccio terapeutico è largamente a favore del suo utilizzo per le forme gravi della malattia. È essenziale che questo trattamento sia immediatamente disponibile negli ospedali per trattare le forme gravi.

Non si tratta di verificare questo studio con nuovi studi prima di prendere questa decisione, mentre abbiamo una media di quasi 200 decessi giornalieri dovuti a COVID in Belgio nell’ultima settimana, e quindi una mortalità in eccesso ~ 65% in questo momento. Non abbiamo tempo!

Il suo uso in forme moderate della malattia richiede uno studio di conferma, ma questo farmaco dovrebbe essere disponibile per la prescrizione da parte di medici di prima linea quando è possibile garantire la supervisione medica per monitorare i potenziali effetti collaterali.

Questo medicinale è disponibile solo nel nostro paese nella sua formulazione topica, come crema (Soolantra®). È possibile ottenere la formulazione necessaria, compresse da 3 o 6 mg per somministrazione orale dai paesi limitrofi, ma le nostre farmacie non vengono fornite.

Ti consiglio quindi di 1) autorizzare la forma orale di ivermectina nel nostro paese; 2) garantire l’approvvigionamento delle nostre farmacie con questo indispensabile farmaco; 3) assicurare la trasmissione di queste informazioni agli ospedali; e 4) organizzare le prove necessarie per confermare o negare la sua utilità in prima linea per la malattia moderata.

Dobbiamo avere la lucidità di riconoscere che si tratta di un “cambio di gioco” e che una risposta molto rapida da parte del governo limiterebbe le conseguenze dannose della cattiva gestione della crisi sanitaria di cui il nostro Paese ha sofferto fino ad ora.

Vi ricordo che nessuno dei vaccini in fase di sviluppo è progettato per indurre l’immunità della mucosa, l’unico tipo di vaccino potenzialmente sterilizzante e quindi suscettibile di avere un effetto sulla trasmissione del virus.

I criteri per la valutazione di questi vaccini candidati sono limitati a una riduzione dei sintomi ma non a una riduzione dei decessi o ad un effetto sulla trasmissione del virus: la barra è impostata molto bassa per garantire la loro approvazione. La riduzione dei sintomi, se ottenuta senza gravi effetti collaterali, è certamente auspicabile, ma è molto probabile che favorisca la trasmissione del virus perché è la comparsa dei sintomi che spinge il cambiamento nel comportamento individuale a limitarne la trasmissione.

Inoltre si stanno accumulando studi che indicano che una carenza di vitamina D favorisce lo sviluppo della forma grave della malattia: si tratta di mettere in piedi una vasta campagna informativa per raccomandare a tutti di integrare la propria dieta con vitamina D.

È una misura molto semplice ed economica, che può avere un effetto molto sostanziale sulla morbilità e mortalità associate a COVID-19. Ricorda che le conseguenze delle sequele associate a COVID-19 sono significative non solo per le persone interessate e le loro famiglie, ma anche per il nostro budget sanitario. Cosa aspettiamo per fare questo semplice passaggio? Abbiamo dimenticato che è più facile prevenire la malattia che curarla?

Agisci, Ministro della Salute, agisci oggi: non alimentare la narrativa secondo cui il governo non ha a cuore gli interessi dei suoi cittadini, ma solo i desideri delle lobby!

Rimango a sua disposizione,

Marc Wathelet, dottore in scienze

Ecco fatto…
Anzi ecco qua:

http://www.firenze.fipsas.com/index.php?option=com_content&view=article&id=65491

IVERMECTIN ANTIPARASSITARIO!

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *