FOLLOWER FACTORY

E’ il mercato della popolarità!
Esiste un mercato nero della popolarità, dove tu acquisti 1, 2, 3,10, 20 milioni di fans!
La cosa vi sconvolge? Ho amici che mi hanno raccontato che è “tutto falso”, i quiz, i concorsi, la “vita in diretta”, le lacrime… tutto falso.
Conosco gente che ci ha tratto enormi vantaggi.
Del resto, se ascoltate le radio vi accorgete dell’infima qualità della musica di oggi. Ma se volete, ho una esperienza personale di molti anni fa…
Cedendo alle richieste di mio cugino e di mioo fratelloe altri due amici, scrivo una canzone, musica e testo…
Dopo varie traversie, iscrizione alla SIAE come compositore-paroliere, ricerca di”discografici”, troviamo una casa di edizioni discoigrafiche che ce la produce. Il brano lo trovate ancora oggi su Yotube, anzi, senza che lo cercate, eccolo:

Naturalmente credete che  ci abbiano dato i diritti d’autore?
Macchè… scuse, ritardi, risposte evasive…
Chissà quante persone hanno fregato cosi… Tu gli fai sentire un brano, loro ti dicono che non funziona, che non gli interessa e poi zac… il mese successivo senti la tua canzone, la tua melodia, cantata da qualcuno in una radio…
Cambiano il testo e vai…
E’ un mercato pure quello, ci sono squali e approfittatori ovunque.
Il risultato è questa musica demozionale, depressa, con totale assenza di gioia.
Le disarmonie sono la regola, i testi sono da seghe mentali, in maggioranza schiacciante si può parlare di “musica da bagno”, inteso però come cesso!
Cosi, hai gli “amici” di qualcuno, oppure come all’epoca c’era Cecchetto… 
Devi pagare se vuoi che il tuo pezzo pssi nelle radio…
Lo sapevate vero? Certo che lo sapevate, solo che fate finta di credere che siano i più bravi, le melodie migliori, i testi migliori ad emergere…
Ok ragazzi sveglia, la ricreazione è finita, paga e diventi una popstar!
Accedi però al mercato nero, quello della popolarità, non alle mezzeseghe delle nostre televisioni…
Se lo leggete, scoprite che vale anche per i politici, per gli attori, per i conduttori tv…
Minchia Johnny…         
Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *