La CGIL è il posto dei cretini?

Dopo una lunga sequenza di segretari, il trend è divenuto certezza: per essere sgretario dell CGIL devi essere “un cretino”!

E’ l’amara constatazione oggi evidente.

Il nuovo segretario CGIL che prende il posto di Susanna Camusso è questo qua:

Un cretino! Non è stato capace neppure di mettersi un maglioncino rosso, ha messo quello che vedete.

E quale è sta la sua prima dichiarazione?

Questa:

Landini: “In Italia corriamo rischio di fascismi”

Il nuovo leader della Cgil  chiudendo il congresso di Bari: “Abbiamo  due vicepremier che parlano di lavoro e povertà senza aver mai lavorato e senza essere stati poveri”.  

Dal che si evince una cosa: se uno non vede che il fascismo è quello di questa UE, se non vede che il nazismo è quello attuale, DEVE essere come detto, un cretino, o essere in malafede.

Lui è entrambe le cose! Una cosa da non credere…

Che cazzo centra se uno non ha mai lavorato? Non è una cosa che è successa anche agli Agnelli? O a Junker? Oppure a quello che si spaccia per Papa?

E che dire del nostro presidente dei mercati?

Insomma, non aver mai lavorato non è un parametro valido. Per non parlare poi dell’essere stato povero…

Se si pensa che il segretario PCI con cui ci strarompono i coglioni è quel Berlinguer miliardario e latifondista, allora …

La CGIL, sigla sindacale del PCI-DS-PDS- PD è quella che ha contribuito di più alla causa dei ricchi.

Il referendum di Luciano Lama nel 1985 contro l’adeguamento delle buste paga all’inflazione, rimane una pietra miliare.

Ora, questo Landini, cretino e in malafede, vedrete che mirabolanti pensate avrà…

Se l’inizio è questo, significa una sola cosa: E’ CONTRO DI NOI.

Di Franco Remondina

Una risposta a “La CGIL è il posto dei cretini?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *