L’economia di “coglioncelli”

Il prescelto del presidente Caccarella, per imporre il “governo tecnico” agli italiani, quel Cottarelli, continuo ospite in Rai da un parassita come Fabio Fazio, scrive su ogni giornale questo:

Come sapete o dovreste sapere, alcuni traditori della patria, nel 1981, DECISERO, senza chiedere agli italiani di “DIVORZIARE” da Banca d’Italia”, cioè DIEDERO MAGGIORE AUTONOMIA ALLA Banca d’Italia.

Il debito pubblico in percentuale sul PIL, era allora del 56%…

La scelta portò in pochi anni tale rapporto al 115% …

Decisero allora di intervenire con politiche di innalzamento delle tasse. Per fare cosa? Per ottenere un “avanzo primario”, cioè, i soldi incassati con le tasse erano PIU’ DI QUELLI CHE LO STATO SPENDEVA.

Capito bene? Ci hanno riempito di tasse per mantenere sotto controllo quel rapporto che era andato fuori scala per effetto di quella scelta di divorziare…

Cosi, grazie all’abuso di tasse, abbiamo raccolto un “avanzo di soldi”, rispetto a quanto serviva per far funzionare lo stato, di 714 miliardi di euro. PIU’ DEL VALORE DEL DEBITO PUBBLICO CHE L’ITALIA AVEVA NEL 1981.

CI STANNO PRENDENDO PER IL CULO?

La risposta è: SI.

In molti modi, ne volete conoscere uno a caso? Vi siete mai chiesti perchè le opere pubbliche in Italia durano anni e triplicano i loro costi rispetto al preventivo iniziale? Perchè c’è un sistema di TANGENTI che deve mantenere i parassiti istituzionali.

Non solo la burocrazia, ci sono tutti, presidenti, assessori, controllori, Tutti!

Eppure questo coglione vaa raccontare in tv che non è per via di quel divorzio, che sono quelli come me, che capiscono, che hanno torto.

Vi prende per il culo, vi tratta da coglioni.

Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *