LE “DUE” AUTONOMIE

Ieri si è svolto il referendum sulla autonomia fiscale? Si, in questo senso è la novità assoluta, il vero salto nel futuro.
Oh si, certo, il PD, la Meloni, anche lei con quella rima nel cognome, l’hanno buttata sui soldi… Veneti e lombardi sono avidi egoisti, stiano zitti…
Stamane uno che si chiama Martina, su televideo Canale5: i soldi delle tasse non si toccano!
Già…
Ma allora E’ un problema di soldi!
Guardate la mappa del residuo fiscale:
Sapete cosa significa residuo fiscale? Che tu, ogni anno, versi X euro e te ne tornano indietro Y.
Non è più questione di Veneto e Lombardia è una questione nazionale. I dati dicono che metà Italia vive alle spalle dell’altra metà.
Con un aspetto davvero inquietante: quelli che vivono con i soldi degli altri, esprimono più parlamentari!
In totale 174 deputati.
A questi vanno aggiunti i deputati meridionali messi in lista dai partiti come PD e Forza Italia e M5S… Una compagine!
Si può dire che le aree succhiasoldi dell’Italia esprimono quasi il 55% del parlamento?
O sono i veneti, i lombardi, i toscani, i piemontesi e gli emiliani-romagnoli che devono stare zitti e muti?
Guardando la cartina, si vedono tante cose, che non sono scritte, che ci vuole un pochino di intelligenza per capirle, ma sono scritte: la prima cosa che salta agli occhi è che questo 55% di deputati sono per succhiare ancora più soldi, lo si vede nei progetti che propongono, vedi il Ponte sullo stretto…
Mettere a posto gli acquedotti NO?
Far funzionare gli ospedali No?
Risolvere il problema dei rifiuti No?
Ah già… la mafia… ma , allora, è la mafia a esprimere i deputati?
I veneti e i lombardi hanno espresso il loro sentire, non a chiacchiere, votando. Conta un cazzo?
Per chi?
Ah si già, per quel 55% soggetto a logiche mafiose, prendi i laziali, comunque la vuoi vedere, ogni cittadino laziale perde circa 3672 euro anno.
Senza risolvere questo problema, di “autonomia”, non si va da nessunaltra parte se non quella dove si è andati finora.
Qui, sta il punto vero, non la questione razzista, i soldi! Ci sono due tipi di “AUTONOMIA”…
Perchè se alle regioni che ricevono molto meno di quanto versano di tasse, continui a dire che sono loro i sudici razzisti, solo per poterli fottere, davvero prima o poi il sistema si spezza.
Cosa avverrebbe all’incontrario?
Se un veneto viene definito ignorante, bastardo, poco intelligente, somaro, solo perchè rivendica di essere stanco di pagare il pizzo a queste regioni, che accadrebbe a parti inverse?
Un siciliano è prima siciliano che italiano, nessuno ci trova da ridire… Al veneto viene chiesto di dichiarare di essere prima italiano che veneto!
Ora, va bene tutto, ma l’Italia ha solo 150 anni, Venezia, c’era prima della nascita dell’Italia, di che cazzo stiamo parlando.
Ci sono quindi due autonomie: quella di quelle regioni che succhiano i soldi alle altre e quella delle regioni a cui vengono succhiati i soldi.
La prima spende e spande a danno dell’altra.

Come risultato hai cosa? 

Un’ impoverimento di tutti. La Sicilia costa alla collettività ogni anno 9 milardi di euro! Secedano pure, se vogliono! Se sono cosi furbi e bravi e intelligenti e capaci, è nel loro diritto! Ma non esiste nessun diritto a essere mantenuti da veneti, piemontesi, toscani, lombardi, emiliani, laziali…
Lo stesso vale per ognuno e per ciascuno.
Autonomia significa questo!
Di Franco Remondina

Una risposta a “LE “DUE” AUTONOMIE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *