Si fa presto a dire…

Risultati immagini per politicamente cazzari

Abbiamo un serio problema di offerte politiche!

La cosa che accomuna tutte queste offerte è solo una: SONO TUTTE AFFETTE DAL MORBO DELLA “SUBALTERNITA'”

Cosa significa? Semplice, sono solo finzioni!

Esiste ancora la politica? e se la risposta è NO, da cosa si capisce che essa non esiste?

Per rispondere a questa domanda bisogna comprendere che il vettore propedeuitico della politica è LA COSTITUZIONE. L’offerta politica è vincolata alla carta fondamentale, votata e approvata tramite suffragio popolare. Resta inteso che la sola politica ammessa sia quella sulle modalità proposte per ottenere il rispetto di quella carta e la traduzione nei fatti di quella Carta.

Come è perchè si sia finiti al “rispetto del vincolo esterno”, dovrebbe essere indagato dalla magistratura.

Come è perchè un presidente della repubblica possa dire le cose che dice senza essere incriminato per “alto tradimento della “Costituzione”, rimane un finto mistero giuridico.

Non c’è traccia di “offerta politica” nel senso di cui sopra. Solo patetici richiami al “vincolo esterno”, all’europa.

Domanda: come possiamo ritornare a fare politica?

Innanzitutto riconoscendo la “SUPERIORITA’ MORALE, ETICA, GIURIDICA” della Costituzione rispetto a ogni altro atto formale,trattato, convenzione. L’Italia è l’Italia per effetto di quella Carta Costituzionale. Nessun Trattato di adesione alla UE può essere ratificato senza l’abrogazione della Carta Costituzionale.

Il Trattato di Maastricht del 1992 non ha alcuna valenza giuridica. Non importa se l’Italia lo ha firmato! Non è l’Italia che lo ha firmato, sono 4 sfigatissimi idioti, corrotti e che al giusto momento, vanno condannati all’ergastolo e le cui famiglie vanno messe sul lastrico. Tale trattato viola la Carta costituzionale!

In una sequenza cronologica essa viene “prima” del Trattato in questione e dice che l’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Non dice che la sovranità appartiene al Parlamento!

Dovevano sottoporre a referendum Maastricht e l’adozione dell’euro come moneta.

Invece non lo hanno fatto.

Cosi si è creata una politica rivolta a una “offerta anticostituzionale”, cioè i partiti hanno ragionato in funzione del “vincolo esterno”, non più del modo di attuazione dei principi costituzionali.

E’ per questo che abbiamo le tasse assurde che abbiamo, è per tutelare gli interessi di altri stati. Importiamo negri, cingalesi, cinesi, romeni, sudamericani, per colpa di una politica anticostituzionale.

La Costituzione imponeva che sull’euro e ancor prima, sulla separazione tra Tesoro e BankItalia, ci fosse un “diritto” del popolo a esprimere la propria sovranità in tale decisione (art 1), perchè lo si è violato?

Dove cazzo erano la Corte Costituzionale, i Carabinieri, l’esercito, i sindacati, le associazioni, i partiti che a chiacchiere dicono di difendere il popolo, come quelli della sinistra? Erano al cesso? Una crisi di dissenteria lunga 38 anni?

Ecco, nessuna offerta politica. Quando sento quel cretino di Martina o quell’idiota di Fico o svariati dementi di sinistra, parlare di ideali, ricordo solo una cosa: L’Italia ha votato tramite referendum una CARTA COSTITUZIONALE.

Quella abbiamo concordato e stabilito di realizzare!

Non abbiamo votato di “RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA FAME NEL MONDO”, cosi come non abbiamo votato di fare la guerra ad altri stati, cosi come non abbiamo come scopo l’essere obbligati ad accogliere gente che non sia identificabile.

Non c’è scritto in quella Costituzione che dobbiamo chiedere a un idiota ubriacone, come Junker, se possiamo oppure no stanziare somme per i nostri poveri o aiutare i nostri terremotati, o ricostruire i ponti o aumentare i salari e diminuire le tasse…

Non c’è scritto!

Questa storia degli ideali è la classica minchiata con cui ti distraggono…

Basta e avanza perseguire quel che c’è scritto li, nella Costituzione “più bella del mondo”, come a fasi alterne l’ha definita la sinistra, salvo poi essere lei, solo lei a decidere che si poteva cambiare, “per migliorarla”… Sic…

E’ incredibile…

Sono europeisti, quindi traditori della Costituzione.

Ce ne ricordiamo! Questi adoratori della UE vogliono portarci alla guerra civile, odiano il popolo, riconosceteli per quello che sono: odiosi servitori del “diritto di alcuni a vivere mantenuti” dagli altri.

Incostituzionale, moralmente, eticamente, idealmente.

Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Una risposta a “Si fa presto a dire…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *