Un epitaffio!

Devo ringraziare Vittoriano per la segnalazione di questo articolo

trad google

Sono sollevato che Donald Trump non sia più presidente. In effetti, sono decisamente estatico. Questo è il meglio che mi sia sentito da settimane.

Trump sono stati quattro anni di deboli speranze, promesse fallite e false narrazioni.

Oh, non fraintendetemi, era anche divertente da morire, ha fatto molte cose su cui fondamentalmente ero d’accordo e ha accelerato il collasso della più grande e corrotta organizzazione mai creata nella storia umana.

Ha preso in giro i media, ha resistito fino agli ultimi giorni della sua presidenza contro una burocrazia autocelebrativa e ha costretto a uscire allo scoperto le profondità della depravazione della nostra classe dirigente.

Adoro quel ragazzo per questo.

Ma l’ho anche superata. È ora di andare avanti.

Oggi non provo alcuna nostalgia per Trump o per l’America 1.0.

Mi rifiuto di entrare nella stessa teatralità isterica che la sinistra ha fatto quattro anni fa. Biden è il presidente. Il restauro è completo. È stato scelto non diversamente da ogni presidente tranne Trump dai tempi di Reagan.

Provo per lui tante emozioni quante ne provavo per Bush the Lesser, Clinton the Rapist o Obama the Enigma.

È solo un segnaposto per un sistema con cui non ho più alcuna affinità. Trump ha sempre rappresentato un grande passo avanti rispetto a quel sistema, che troppi conservatori hanno aiutato Trump a sostenere per quattro anni.

Uno dei miei clienti ha pubblicato un pensiero vagante nella nostra comunità su Slack che riassume perfettamente le cose:

“Pensa se Trump avesse vinto in modo equo e il” furto “non fosse avvenuto. Avremmo avuto altri 4 anni inetti di presa di posizione e false speranze.

Che dono del cielo che il furto sia avvenuto in quanto ha separato le persone dalle istituzioni politiche e le ha liberate. Ok, quindi è in corso il grande ripristino, ma chi se ne frega?

Tutti lo sanno.

La necessità è la madre dell’invenzione e finché le persone “si sentono” libere non sono libere. È così che ha funzionato fino ad ora. Il disaccoppiamento doveva avvenire in qualche modo. “

Questa è la legge delle conseguenze indesiderate scritta in grande. L’oggi dovrebbe essere guardato con sollievo per la chiarezza della visione che abbiamo per il futuro. Farà schifo, ma almeno c’è simmetria.

Alla fine hanno rubato le elezioni per riprendere il controllo e così facendo hanno posto le basi per un rifiuto totale della loro autorità.

Troppi conservatori credevano ancora nel mito d’America . Questo dovrebbe finire oggi.

La preparazione all’inaugurazione con tutte le perle che si aggrappano, i movimenti delle truppe, i titoli senza fiato che presagivano un violento assalto al Campidoglio è stato l’apice del teatro politico.

E loro lo sanno. Non c’è modo di rimettere quel genio nella bottiglia.

Questa è un’immagine che racchiude tutto ciò che è sbagliato nell’America post-Trump. Simboli d’America ma non americani.

Militari e poliziotti dappertutto ma nessuno governato dando il loro consenso.

I sistemi di immagini contano la gente e il mondo sta guardando la transizione degli Stati Uniti da una Repubblica a un’Autocrazia.

Immagino che Gil Scott Heron avesse torto, dopotutto la rivoluzione verrà trasmessa in televisione.

Le due settimane trascorse dall’assalto in scena al Campidoglio hanno visto Trump sbattuto a terra da una leadership vendicativa del GOP mentre ovviamente aveva il braccio torto dietro le quinte.

Le persone che dovrebbero conoscere meglio non possono vedere attraverso le proprie capacità di adattamentohttps://platform.twitter.com/embed/index.html?creatorScreenName=tfl1728&dnt=false&embedId=twitter-widget-2&frame=false&hideCard=false&hideThread=false&id=1351901705093472257&lang=en&origin=https%3A%2F%2Ftomluongo.me%2F2021%2F01%2F20%2Fepitaph-for-a-post-trump-america%2F&partner=tfwp&siteScreenName=TFL1728&theme=light&widgetsVersion=ed20a2b%3A1601588405575&width=550px

Trump ha lasciato la Casa Bianca il più debole, schifoso e sottomesso possibile per un adulto adulto scappare via.- Glenn Greenwald (@ggreenwald) 

, 20 gennaio 2021

Cosa pensavano che avrebbe fatto il fondo fiduciario Donald? Cadere sulla sua spada per un informatore / giornalista? Trump, dopotutto, è ancora solo Trump.

Questo era il piano. Trump doveva essere finalmente sconfitto. I suoi seguaci umiliati. Non ci sarebbe mai stata una grazia per Assange.

Non ci sarebbe mai stata una grande declassificazione.

Non gli è mai stato permesso di bruciare la casa.

Se qualcosa di tutto ciò fosse accaduto, sarebbe accaduto secoli fa.

Ed è per questo che sono felice che Trump se ne sia andato. Perché volevi davvero vivere altri quattro anni di patetica segnalazione di virtù, inerzia burocratica, menzogne ​​mediatiche e vergognose assecondazioni?

No, oggi il crollo degli Stati Uniti sarà sotto la sorveglianza delle persone che lo hanno orchestrato. Non avrà il consenso della maggioranza delle persone, ma se fossimo veramente onesti con noi stessi è così che era sotto Obama, Bush il Minore e Clinton.

Trump era un ragazzo che rendeva le cose interessanti ma si assicurava anche che saremmo stati disillusi da qualsiasi nozione di dissidenza.

Oggi è il giorno in cui i sostenitori di Trump possono finalmente crescere. Non era Orange Jesus mandato per salvare l’America da se stessa. Non c’è mai stato un piano.

Trump era solo un ragazzo fuori di testa che faceva qualcosa che nessun presidente aveva fatto dai tempi di Calvin Coolidge, che se ne fregava di ciò che l’America significa per gli americani.

Ecco perché ha dovuto essere distrutto ed è per questo che alla fine dobbiamo lasciarlo alle spalle.

Mentre gli Stati Uniti affondano e ciò che resta delle protezioni legali di cui abbiamo goduto viene portato via con il pretesto di “terrorismo interno”, siamo anche, stranamente, liberi.

Ecco perché sono estasiato che un uomo più adatto ai COVID Death Parlors di Andrew Cuomo sia presidente oggi piuttosto che Trump.

Gli occhi di tutti ora sono aperti. Un fungo è presidente.

In assenza della falsa speranza di Trump, le persone ora sono libere di concludere quello che ho sempre avuto: la politica ci ha portato a questo, la politica non ci tirerà fuori.

Possiamo finalmente lasciarci il fanciullesco rosso contro blu dietro di noi.

Quella falsa dualità è scomparsa. Il GOP è morto. I Democratici sono pronti a pugnalarsi a vicenda per raggiungere l’apice. Entrambi ci odiano.

Il Campidoglio sa di essere sotto assedio, non da milizie di destra e neonazisti, ma dalla loro stessa paura che non proviamo più niente per loro …

… tranne forse pietà.

Quindi, alza un bicchiere a Trump, auguragli ogni bene, accetta i suoi limiti. L’Impero è tornato con una vendetta. Il nuovo mondo coraggioso post-Trump è qui.

E questo non è mai stato un pensiero più esaltante

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *