Volevate saperlo vero? MoscoWC et altri possono andare a fare in culo!

Scommetto che si sono dimenticati di dirvi chi sono “i mercati”…

Per dare un nome  e un volto a questa fantomatica entità, che nessuno vi racconta davvero ma che è assurta a Dio onnipotente, ecco invece il quadro vero:

questo è INTERESSANTE..andiamo a vedere chi specula verso Italia, usiamo una piattaforma di trading “chiave” sui BTP come TradeWeb ed andiamo a vedere chi sono i fornitori di liquidità su questo “pseudo-mercato” (non è un exchange)…capito da chi sei ricattato in continuazione?

Quelli indicati dalla freccia sono  quelli che  il nostro presidente della Repubblica vuole tutelare, anzichè gli italiani!

Cosi facendo però si mette contro la Costituzione! Mattarella sta violando un sacco di articoli, cosi come un sacco di economisti che vanno a dire stronzate in tv e sui giornali.

NON ESISTE UNO STATO IN “CREDITO PUBBLICO”.

Quando sentite la parola “DEBITO PUBBLICO”, dovete considerarlo come “RICCHEZZA DEI CITTADINI”

L’equazione è semplice: Debito dello stato= Ricchezza dei cittadini!

Troppo difficile?

Dite che dicono tutti il contrario? Che mi frega, sono imbecilli, o peggio venduti.

Credete a Marattin, a Cottarelli, a Giannino, credete a questi idioti, che vi raccontano che il debito graverà sulle spalle dei nostri figli, dai, diventate dei somari raglianti pure voi… YY.AAH

La Costituzione, la nostra Costituzione lo spiega benissimo!

 

Art. 4.
La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società.

Art. 36.
Il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa.
La durata massima della giornata lavorativa è stabilita dalla legge.
Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi.

Art. 47.
La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito.
Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.

Vediamo di riassumere ciò che appare implicito:

Eppure sarebbe semplice: Costituzione tutela il risparmio in relazione al livello di occupazione (art.4) e di retribuzione (art.36) che ne consente la formazione. No lavoro-no reddito dignitoso-no risparmio. Risparmio scisso dal lavoro non è fondamento della Repubblica: art.1

=> Se il deficit pubblico è il risparmio delle famiglie ed è tutelato in quanto derivante dal lavoro, come può pretendersi di tutelare il risparmio costituzionalmente rilevante attraverso la riduzione/soppressione del deficit?

La Corte costituzionale afferma poi che “è la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione” (sent. 275/16).

Voi dite che Monti e il PD e Forza Italia hanno messo in costituzione il Pareggio di Bilancio ( Art 81) e quindi i sacrifici e l’austerità sono costituzionali?

Falso! Dite che ce lo impongono i Trattati?

Falso!

http://orizzonte48.blogspot.com/2016/12/chiarimenti-sulla-sentenza-n275-del.html

Il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis:”i piani di bilancio italiani non sembrano compatibili con le regole del Patto di Stabilità.” Le regole dell’UE si applicano per l’Italia. Per Francia e Germania si interpretano.

Capito? Dobbiamo lavorare e vivere con 400 euro al mese, se no l’euro crolla!

Questo coglione lettone…

Ma ricordate chi nel 2012 ci impose questo? Il Fiscal Compact!

E’ anticostituzionale!

Dobbiamo, per i nostri figli e per noi, mandare a fare in culo questa gente, ormai è diventata o noi, o loro.

Meglio noi!

Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *