Lo spot!

Vedi? Questo è “il nuovo normale”, se non c’hai l’AIDS, non sei nessuno!

Sfida i pregiudizi?
Quali?
Il cortocircuito ormai è evidente, 35 anni di demonizzazione del malato di AIDS, ora invece, al grande fratello sdoganano che l’AIDS è buono e alla moda. Anzi, se non c’hai l’Aids non sei alla moda.
Il vaccino sta producendo un sacco di gente alla moda!
Cercano di metterci una pezza… Oddio ho l’AIDS!!!
Tranquillo, guarda che si può vivere tranquillamente, puoi “convivere” con l’AIDS, lo dice il grande fratello, quindi DEVE essere vero.
Eeh, ma io non ce l’avevo prima…!
E’ una fatalità, magari è uno degli effetti del covis..
Ma come?, ho fatto tre dosi del vaccino anti covis…
Sarà la sfiga…!

Però adesso si avvicina anche un altro effetto: il cancro fulminante, ovviamente non si può dirlo in italiano, fa più figo dirlo in inglese

La dottoressa Kruger inizialmente pensava che questi tumori turbo, come li chiama lei, fossero dovuti a appuntamenti medici ritardati a causa del blocco di Covid, ma quel periodo è passato da tempo e i tumori stanno ancora crescendo in modo aggressivo e nei pazienti più giovani. Ha segnalato alcuni di questi casi alla FDA e, mentre alcuni alti dirigenti inizialmente hanno accettato di incontrarla, hanno annullato l’incontro senza spiegazioni il giorno successivo e hanno inviato un agente telefonico per prendere il suo rapporto.

Sei mesi fa la dottoressa Kruger è apparsa a un panel in Germania per presentare la sua teoria secondo cui la vaccinazione sta causando tumori aggressivi e ha chiesto aiuto ai medici di quel vertice per raccogliere dati. Sfortunatamente, pochi di loro sono stati disposti a raccogliere quei dati e condividerli con lei.

Autopsie
Parte del tempo della dottoressa Kruger è dedicato alle autopsie e ha attirato l’attenzione su numerose anomalie riguardanti.

Un 60enne aveva più malattie maligne. Ha ricevuto 2 dosi del vaccino Covid durante la chemioterapia e poi ha sviluppato la sindrome di Guillain Barre. Ha riscontrato un’infiammazione nel midollo spinale, nel cervello e nei vasi sanguigni.

Una donna di 80 anni è rimasta paralizzata un mese dopo la vaccinazione. La dottoressa Kruger ha riscontrato un’emorragia nel midollo spinale vicino al collo, cosa che non aveva mai visto prima. Al microscopio, ha visto un’infiammazione nel vaso che ha causato la rottura e l’emorragia. Ha anche riscontrato un’infiammazione nei muscoli del cuore, che è la miocardite.

Il dottor Kruger è stato chiamato a dirimere una controversia tra la famiglia di una persona deceduta e i medici che hanno firmato l’autopsia. La famiglia e il loro medico credevano che la morte fosse il risultato del vaccino Covid, ma coloro che hanno eseguito l’autopsia non hanno fornito alcun risultato a sostegno e non hanno collegato la morte al vaccino. Quando la dottoressa Kruger ha eseguito la sua autopsia, ha trovato prove di miocardite e vasculite, infiammazione dei vasi sanguigni nei polmoni. L’autopsia originale o ha mancato quei segnali o non li ha cercati, e la famiglia aveva ragione. La dottoressa Kruger ha condiviso la sua opinione, supportata da un altro patologo di alto livello tedesco, che la morte fosse effettivamente dovuta al vaccino Covid.

Il Dr. Kruger ha delineato 3 problemi principali con il modo in cui le autopsie vengono attualmente eseguite nella pratica:

Le informazioni sul paziente sono sciatte. Il dottor Kruger ha avuto personalmente diversi casi in cui i medici avevano scritto che il paziente non era vaccinato per l’autopsia, quando in realtà nelle loro cartelle cliniche era documentato che erano vaccinati per il Covid.

La tipica autopsia non esegue esami sufficientemente approfonditi per diagnosticare la causa principale di determinati problemi medici. Non eseguono test istopatologici rigorosi dei tessuti in cui è probabile che si manifesti il ​​danno da vaccino, ma che è necessario per rilevare i marcatori del danno indotto dal vaccino, come infiltrati immunologici o proteine ​​spike nei tessuti del miocardio. Il dottor Kruger ha eseguito esami più approfonditi e ha riscontrato miocardite e infiammazioni che non erano state rilevate dall’autopsia originale.

C’è una mancanza di esperienza nella valutazione di questi risultati e una mancanza di desiderio di contestualizzare adeguatamente i casi. Inoltre, la maggior parte dei medici autoptici non segnala casi alla FDA.

Sebbene la testimonianza della dott.ssa Kruger sia per natura aneddotica, in quanto patologo di alto livello da molti anni, le sue preoccupazioni dovrebbero essere prese molto sul serio e indagate ulteriormente. Naturalmente, ciò richiederebbe un sistema di regolamentazione onesto che sembra essere gravemente carente in questi giorni.

“Sto guardando le persone che vengono uccise”
La dottoressa Kruger ha affermato di vedere la vaccinazione come un fattore scatenante per i tumori in rapida crescita e le malattie autoimmuni. Sta vedendo molte infiammazioni insieme ai tumori e, naturalmente, non è solo il cancro al seno. Molti altri patologi hanno riferito al dottor Kruger di vedere un aumento dei tumori, dei tumori in più organi e dei tumori rari.

Ha concluso dicendo: “Ho studiato medicina perché volevo aiutare le persone. Ma ora mi sembra di guardare le persone che vengono uccise e non c’è niente che io possa fare”.

Il primo passo per risolvere qualsiasi problema è riconoscere che c’è un problema. Abbiamo un problema enorme e, per poterlo risolvere, bisogna prenderne atto. È ora di iniziare a fare pressione sui medici affinché parlino. Qualsiasi medico abbastanza consapevole da capire che qualcosa non va deve iniziare ad affrontare il problema. Un’ulteriore motivazione potrebbe essere la pressione di sapere che tutto sta per esplodere e non voler stare dalla parte sbagliata della linea quando succede.

Naturalmente ci sono migliaia di addetti delle agenzie, i trolls, che se scrivi su facebook o twitter o ovunque, ti dicono le cazzate, tipo: “fonte?”, o “che pubblicazioni scientifiche hai?”, ma le cose accadono davvero. la gente muore davvero! I vaccinati, muoiono davvero!

Ma non crediate sia finita qui, la nuova normalità è ancora più affascinante, ancora più trasgressiva

Ci vorranno almeno una dozzina di grandi fratello per tranquillizzare anche chi ha questo?
Chissà…

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.