SPACCIATORI SPACCIATI

 

DROGATI DI DENARO

Di Franco Remondina  (dodicesima.com)

Nel mondo finanziarizzato che ci è stato allestito, preparato, imposto, una stridente contingenza reclama attenzione: il mercato.

Se il denaro diventa “merce”, come è diventato, allora la legge della domanda e dell’offerta diventa valida. Il punto vero è questo: ci sono pochi produttori di merce e troppi drogati di questa merce. Mmmh…

È per questo che non riescono a soddisfare il mercato.

Per contro, ogni altra merce non interessa e di riflesso, secondo la legge della domanda e dell’offerta, perde valore.

Nessuna inflazione è possibile in un “mercato” di questo genere.

Però – perché c’è un però grande come una galassia – così le cose non vanno. Questo era il mondo del dollaro, grazie al fatto che il petrolio si può acquistare solo in dollari, anzi no, si può acquistare in cash per il 5% e 95% in bond americani, ma con questa situazione che si è creata, di perdita di valore, che accade?

Il mondo dei banchieri centrali può vincere?

No, non ce la fa!

Sono i produttori unici di questa merce, nonostante ciò, non ce la faranno.

La faccenda dei tassi negativi, mostra che gli avidi stanno arrivando ad una iperbole, forzando tale atteggiamento l’iperbole cambia di senso. Una clessidra, avete presente? Ecco, siamo a quel punto.

Le corporations americane che si facevano dare mutui dalle banche e con quei mutui acquistavano le proprie azioni a Wall Street in una pratica di “buy back”, adesso sono in difficoltà a pagare gli interessi su quei mutui.

Gli USA che traevano dalle transazioni sul petrolio la loro ricchezza, sono nei guai, nel periodo di presidenza del primo presidente abbronzato della loro storia il loro debito pubblico è quasi raddoppiato. Otto anni di Obama hanno devastato gli USA come un uragano.

La convergenza mondiale, anzi occidentale della lotta al contante, porta con sé la verità su quale sia il timore più grande: che il denaro sia un mezzo e non una merce.

Se la gente ritira il contante, usa il contante, i produttori unici di questa merce vanno in difficoltà.

Certo, possono stampare quella merce, ma poi essa circola come mezzo al di fuori del loro controllo.

Domani la FED, uno dei produttori di merce, alzerà i tassi? Si, lo farà.

Oppure no, non lo farà… Ma che lo faccia oppure no, non è rilevante, ciò che invece conta è che a forza di aiutare i drogati di denaro, la dipendenza da denaro, uccide le banche.

È quello che sta accadendo in tutto il mondo.

I produttori della droga denaro, sono diventati drogati pure loro. Vogliono comprare il mercato! Iperbole.

Inoltre, zitti zitti, alcuni hedge founds stanno rispondendo “no” alla richiesta dei loro clienti di avere indietro i loro soldi… sono almeno tre grandi hedge found…

Ma state sereni…

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *