BREXIT O BREMAIN?

 

Di Franco Remondina  (dodicesima.com)

Ci sarà il Brexit o il Bremain?

Una cosa è certa: l’Inghilterra non è la Grecia, e sopratutto non è l’Italia.

La differenza fondamentale è questa: L’Inghilterra ha una Banca Centrale!

Questa è la differenza!

In Grecia, Varoufakis, giocò per i greci una partita che non poteva vincere. Al di là del solito tradimento che la sinistra ha sempre, e quando dico sempre, significa sempre, fatto ai vari popoli che l’hanno votata, c’erano le leggi, i Trattati… poi c’era Tsipras, un leader che adesso vive a New York o a London, non ricordo esattamente, con la statura morale pari a uno dei sette nani di Biancaneve… ma soprattutto:

“NON C’ERA UNA BANCA CENTRALE “

Quel che c’era era la BCE…infatti per far capitolare i greci, bastò chiamare Draghi e bloccare i bancomat…

Perchè il nazismo che ci circonda è quello dei bancomat e di chi ha il potere sui bancomat…

Ora, noi, non abbiamo una Banca centrale, non abbiamo una moneta, non abbiamo un popolo, quel che abbiamo è un sacco di venduti al nazismo de bancomat.

Politici, magistrati, presidenti della repubblica, giornalisti… la lista è lunga.

Tifiamo per il Brexit perchè aprirebbe le porte ad una successiva nostra uscita?

Eeehh che cazzo… credete che da noi ci sia qualcuno di quelli che comandano che ardirebbe pensare questo? Chi?

Il PD?

Il M5S?

Alfano?

Forza Italia?

Ah ah ah ah …

Davvero credete che gente simile sappia qualcosa di come stanno le cose?

Che sappiano qualcosa di economia? Qualcosa di imprenditoria?

Non sanno una mazza!

Credete che siano dei pensatori? Che sappiano trarre conseguenze logiche? Che abbiano un QI (quoziente di intelligenza) superiore alla media?

Sono sotto la media… per questo sono li e occupano quei posti lì…

E non solo, sono li e occupano quei posti li perchè noi/voi, qui li abbiamo votati.

Guardate che cosa fanno i fans dei “possessori del potere del bancomat”:

“A pochi giorni dal delicatissimo referendum su Brexit, una sentenza della Corte di Giustizia Europea fa sorridere Cameron. Per la semplice ragione che dà una veste legale a quanto il premier inglese aveva mesi fa strappato politicamente ai partner UE. Infatti, secondo i supremi giudici, l’Inghilterra ha il diritto, per evitare uno sforamento dei conti pubblici, di negare le prestazioni sociali agli immigrati che non risiedono abitualmente sul suo territorio.

In particolare per quanto riguarda le prestazioni sociali relative ai familiari ancora presenti nei paesi di origine. Un dispositivo che mette all’angolo la Commissione che anni addietro si era sentita in dovere di trascinare in tribunale il governo inglese. Perché convinta che vietare agli immigrati presenti nel paese da meno di 5 anni il diritto di beneficiare dei cosiddetti child benefit (agevolazioni fiscali per i figli a carico) rappresentasse una discriminazione tra europei e non europei.”

Capite che roba?

Sono tutti daccordo! Contro di noi, a favore di tutti purché non noi!

Di Franco Remondina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *