VANNA MARCHI’S EFFECT

Franco Remondina (dodicesima.com)


Ok, c’è la crisi…, ce l’hanno ripetuto 24/24 negli ultimi dieci anni! Ragazzi… che roba…

Mi ricordo ancora “la luce in fondo al tunnel” di Monti, poi Letta, poi Renzi..ora Gentiloni; com’è che non ne usciamo? La risposta è una sola: non si può uscire da questa crisi!

Se dovessi dirla tutta, definirei questa crisi come una “crisi legalizzata”. Che significa? Che l’impianto di leggi promulgate da parlamenti nazionali, che i trattati firmati da capi di governo a nome dei popoli, hanno legalizzato la crisi in una modalità tale da rendere impossibile uscirne.

La cosa ridicola è che i popoli neppure lo sanno.

Fateci caso, avete mai sentito Bertinotti parlare di moneta? Parlare della “rendita finaziaria”?

E il PD? Avete mai sentito parlare il PD della moneta? La crisi è dovuta al fatto che ci vogliono le riforme, ti dicono, poi, le loro “riforme” sono una ulteriore immersione nella crisi.

La sinistra in generale è “contro” i popoli. E’ la storia a raccontarcelo, con i fatti. Hanno raccontato che “la religione è l’oppio dei popoli”, ma hanno dimenticato di dirti che “l’ideologia è l’eroina/morfina dei popoli”. Già..

In Francia hanno votato Macron, il sostegno mediatico era del 98% per lui. Qualcosa vorrà dire!

Non hanno votato LePen, perchè è “fascista”! Si sono turati il naso e hanno votato per uno che appare rassicurante, un banchiere…

Supponiamo che LePen, avesse un compagno più giovane di lei di ventanni… quale sarebbe stato l’approccio dei media? Avrebbero sputtanato LePen su un aspetto legato a istinti sessuali e il suo profilo psicologico sarebbe stato maciullato da psicologi e psicanalisti.

Invece di tirare in ballo tali profili freudiani, i vari complessi di Edipo/Elettra e quant’altro, fanno apparire logico il rapporto tra Macron e la sua compagna, anzi, una “incredibile” storia d’amore.

mamma e figlio? Ooops…

Se esiste qualcosa che può definirsi fascismo, questa roba è adesso!

Fascismo è accettare che qualcuno che non sei tu faccia le domande al posto tuo e risponda per te. Questo è fascismo: tu non ti fai domande!

In assenza delle tue domande, le domande-risposte te le dà il “sistema”.

In questo modo: si parla genericamente e per categorie, si parla per insiemi invece che del particolare, le riforme sono qualcosa di spettrale, fantasmi, non si sa bene cosa siano, ma vanno fatte.

Questa crisi che non passa è una crisi di credulità, un “abuso fiduciario”, cioè, qualcuno ha abusato della fiducia delle persone, della loro incapacità di capire, della loro fiducia nelle istituzioni e nella legge.

La legge è contro di te, non l’hai ancora capito? Svegliaaa!

Come hanno fatto i popoli a farsi fregare cosi? Anzi, come hanno fatto gli imprenditori a farsi fregare (la parola giusta sarebbe un’altra) cosi? Come hanno fatto? Eeeh…?

Tramite un artifizio legale: le vendite allo scoperto! Il meccanismo delle vendite allo scoperto è questo: puoi vendere una cosa che non possiedi fisicamente!

Minchia Johnny…

Possibile sta roba? Si che è possibile, anzi è la prassi.

Questa operazione dà un potere di vita e di morte economica a qualcuno, intere economie possono crollare, interi stati… Vi ricordate l’attacco alla lira di Soros? Questo qui, speculò contro i nostri titoli di stato… Traduzione: vendette allo scoperto, cioè “vendeva qualcosa che non aveva” i titoli di stato italiani. Grazie all’allora governatore della BANCA D’ITALIA CIAMPI questa roba ci costò 60 000 miliardi di lire:

 https://www.facebook.com/notes/informazione-illuminiamo-le-coscienze/ciampi-e-la-speculazione-di-sorosamato-e-le-privatizzazioni/279101202163115/

La pratica dello short selling esiste da più di 400 anni, ci sono casi documentati nel 1602 in Olanda. Viene fatta risalire a Isaac Le Maire, dal nome, un ebreo, il quale investi 82 000 fiorini nella Compagnia Olandese delle Indie Orientali. Successivamente, decise di vendere le azioni di questa compagnia… solo che ne vendette molte di più di quante ne possedesse.

L’operazione venne considerata immorale oltraggiosa dai contabili dell’epoca che introdussero cosi il divieto di vendita allo scoperto.  

Basterbbe e avanzerebbe dichiarare illegale questo tipo di vendita per cambiare il mondo!

Altro che le riforme della sinistra…

Il potere di Soros è un potere concessogli da mentecatti ideologizzati, quelli che ancora pensano che siano i banchieri a comandare il mondo, non sono loro a comandarlo sono gli ignoranti a comandare il mondo!

Questa è una crisi di credulonità, è il Vanna Marchi effect, solo che i fregati siamo noi.

 

Di Franco Remondina

Una risposta a “VANNA MARCHI’S EFFECT”

  1. La luce in fondo al tunnel, è stato appurato che era un treno in arrivo. La sinistra, ha mali congeniti, lo statalismo in primis.
    Sulle vendite allo scoperto, è stato detto che i singoli governi sono troppo debili per poter contrastare la finanza globale, anche se io non ci credo. Per non essere ladri, basta decidere di non rubare, anche se gli altri rubano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *