Il gioco delle perle di vetro

Di Franco Remondina (dodicesima.com)
Ho sempre detestato Travaglio e Gomes, come detesto Saviano…
E’ una questione epidermica, ho l’allergia ai falsi! Per estensione ho veramente la nausea riguardo a “Il fatto quotidiano”.
Quando li vedi in Tv, cioè sempre, hanno quell’aria seria e saccente che  insomma acuisce quella allergia. Travaglio sta in comunità, dopo anni di consumo di una droga chiamata Silvio, fatica a riprendersi. Quella droga non funziona più, niente trip… la depressione lo ha pervaso.
Questi giornali sono come le perline di vetro colorate che Colombo, non il tenente, il navigatore, dava agli indigeni dominicani, ricevendone  in cambio dei monili d’oro. Una fregatura!
Sono giornali “seri”, “credibili”, però le perline di vetro sono la loro arma: ti convincono che sono preziose.
Cosi, in una trasmissione tv, Agorà su rai3, una autentica bancarella di perline di vetro, uno dei produttori del “Fatto Quotidiano” ha dato del bugiardo al Procuratore Capo di Catania, Carmelo Zuccaro.
Michia Johnny… i procuratori hanno perseguitato per ventanni Silvio, sulla base di “non poteva non sapere”…
Il procuratore aveva appena detto che le ONG ( altri che esaltano la mia allergia) erano colluse con gli scafisti, quando uno dei perlinai, tale  Sansa, lo ha smentito, dichiarando di non credergli!
Mafia capitale oppure il capitale della mafia?
Perchè quello che questi venditori di perline fanno è quello di rispondere solo alle domande che vogliono loro, mica a quelle che le persone normali si fanno. Quali sono le domande a cui manca la risposta?
Tante, eccone una:
Come fanno le ONG a possedere navi?
Sono in affitto!
Qk, ma l’affitto di una nave costa assai, dove trovano i soldi? Perchè non presentano i loro rendiconti contabili?
Queste ONG da chi sono pagate? Certo è che i loro membri ricevono stipendi che gli italiani che lavorano non ricevono. i loro “volontari” sono volontari pagati e pagati profumatamente. Ricordate le due Giuliana Sgrena? http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/home/49272/mega-riscatto-per-sgrena-e-le-simona-farnesina-falso.html
Queste prendevano un sacco di dollari al mese per “aiutare umanitariamente”…
E’ tutto cosi, la sinistra ha copiato Colombo, il gioco delle perline di vetro, pare un libro che fra i sinistri di tanto tempo fa andava di moda, di Herman Hesse… Loro hanno bisogno del paravento umanitario per accapparrarsi i soldi. Le cooperative, onlus, ONG…
Una volta, i trafficanti di schiavi erano chiamati schiavisti, oggi vengono chiamati “operatori umanitari”?
Questi venditori di perline sono, ancora per poco, titolari della “verità”, la brandiscono contro di te. Di Maio oggi nella stessa trasmissione, di mattina, ha detto che “mai accordi con la Lega, perchè sono stati al governo e hanno fallito”.
Loro, il movimento del tonno, invece hanno raggiunto tutti i loro traguardi: abolito il reato di clandestinità, eletto la Boldrini, taciuto sul problema della immigrazione, taciuto sugli esodati, votato per l’abolizione dell’immunità della LePen, taciuto sulla ricostruzione del terremoto di Amatrice ( prima di Natale le casette ci saranno), taciuto sulla parentopoli romana, taciuto sui suicidi degli italiani vessati da equitalia, taciuto sulle dichiarazioni cazzute del papa a cui interessano solo i migranti, taciuto sulle cazzate della Raggi, che si è presentata con le “tavole della legge”, con le foto dei due bambini siriani morti per il gas di Assad, quando invece erano i volontari delle ONG ad averli uccisi…
Si prospetta quindi il reato di “circonvenzione di incapace” a mezzo stampa? Apologia del falso in Tv? 
Ricordo a tutti che Vanna Marchi è stata condannata per molto meno.
Quanto costa allo Stato questa cosa dell’immigrazione?
Quante sofferenze sono inflitte agli italiani? Quante?
Di Maio: “non faremo accordi con la Lega”? Avrebbe dovuto dire: non abbiamo fatto e non faremo nessun accordo con la logica deduttiva ….
Ma su questo, non avevo dubbi!
Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Una risposta a “Il gioco delle perle di vetro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *